Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

I bemolli sono Blu: l'anno del Romanticismo in musica al via domenica dalle Terme dei Papi

Spettacolo
Font

VITERBO - Quarta edizione per "I bemolli sono blu - Viterbo in musica", festival di classica che sta diventanto un appuntamento irrinunciabile per la città.

Organizzato dall'associazione musicale Muzio Clementi, diretta dal maestro Sandro De Palma coinvolto anche in alcuni concerti, dove si esibirà al pianoforte, il festival vede un corposo cartellone con 25 concerti che allieteranno il centro storico e le frazioni di San Martino e Bagnaia (questi ultimi inseriti nel cartellone dell'Estate viterbese). Programma dal 27 settembre al 7 novembre 2020, con l'ormai tradizionale avvio alle Terme dei Papi, spettacolare concerto a bordo della piscina monumentale, che domenica 27 settembre alle 21 vedrà protagonista la violoncellista Silvia Chiesa in "Bach alle Terme".

Un festival ormai conosciuto, tanto che sarà seguito anche da Radio Classica e Radio 3 che trasmetteranno in differita alcuni selezionati concerti.

Stamani la presentazione in piazza del Gesù, vicino alla chiesa di San Silvestro che ospita la maggior parte dei pomeriggi musicali. Presente il sindaco Arena, che ha fatto i complimenti agli organizzatori: "Iniziativa sempre in crescendo, un vero scrigno da salvaguardare. Sono certo che sarà seguito da tutti gli appassionati di musica classica, sia viterbesi che turisti, tantissimi in questo periodo. Abbiano notato una notevole presenza,decisamente maggiore rispetto al passato, e anche l'aumento dei giorni di permanenza, con le strutture sempre al completo ogni fine settimana. Anche per loro, la nostra offerta culturale deve essere all'altezza".

Partner ormai fisso sarà di nuovo il Touring Club Viterbo, con il console Vincenzo Ceniti, di cui il maestro De Palma asseconda le idee più ambiziose, compresa quella dello scorso anno, quando fu costruita una pedana trasparente immersa nella piscina monumentale delle Terme dei Papi.

"E' bello portate avanti queste idee, ringrazio il maestro che dà sfogo alla mia creatività - precisa Ceniti - nel cassetto resta il concerto sulla torre di Bagnaia, ascoltato da sotto e visto attraverso una diretta video, e poi il castello di Montecalvello, idee future che sicuro svilupperemo. Approfitto e dico al sindaco che noi ci siamo e parlo a nome delle associazioni culturali che fanno attività musicali, come questa rassegna, nata in sordina ed oggi realtà attenzionate dalla Regione Lazio. Qui abbiamo molto ma manca un coordinamento dele attività, il pubblico è per gran parte locale e questo rende ottima l'iniziativa per l'accrescimento culturale dei cittadini, ma serve una cabina di regia che faccia di Viterbo una città musicale".

Una sfida raccolta dal sindaco.

In conclusione gli organizzatori, a partire dal maestro De Palma: "Siamo rientrati nei finanziamenti regionali triennali, una quindicina di realtà in tutto il Lazio, un grande onore per noi. La rassegna si intitola 'Romanticismo, il nuovo sentimento della natura'. e vedrà tornare alcuni musicisti, lieti dell'incontro con il pubblico viterbese, mentre avvieremo nuove collaborazioni, come con l'orchestra di Berlino. Presente come sempre la musica sacra dedicata ai compositori viterbesi, tra la chiesa abbazziale di San Martino e quella della Verità, e poi spazio a giovani e talentuosi musicisti, il primo a Palazzo Gallo di Bagnaia".

Conf BemolliBlu2020 3

Direttore organizzativo della manifestazione Cecilia Colasanti, che ha sottolineato le difficoltà che ormai tutti conosciamo: "Il festival risponde a tutte le regole di emergenza covid, abbiamo lavorato per questo. Sposo l'idea della cabina di regia e ringrazio il Comune per il contributo, che va a sommarsi a quelli della Regione Lazio e della Fondazione Carivit. Questo festival è una grande occasione di convergenza tra partner pubblici e privati, da quelli tecnici alle strutture ricettive che ci staranno vicino".

Conf BemolliBlu2020 5

Costo d'ingresso popolare, solo 5 euro, ad esclusione del concerto anteprima alle Terme dei Papi, che prevede un biglietto di 15 euro, con ingresso e bagno in piscina, da dove sarà possibile seguire il concerto.

Per tutte le info segui queste pagine con tutti gli aggiornamenti e visita la pagina social del Festival.

Teresa Pierini