Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

ViterboGuitarFestival saluta con "La favola di Platero"

Spettacolo
Font

VITERBO - Sabato 16 ottobre alle ore 21:15 presso la Chiesa di San Pellegrino, a conclusione del ViterboGuitarFestival 2021 il chitarrista Andrea Pascucci e l'attore Pietro Benedetti si esibiranno nel concerto dal titolo "La favola di Platero".

Eseguiranno brani tratti dall'Op. 190 Platero y yo per chitarra e narratore di Mario Castelnuovo-Tedesco su testi dell'omonimo poema in prosa del poeta spagnolo Juan Ramon Jìménéz, premio Nobel per la letteratura 1956.

Platero y yo di Castelnuovo-Tedesco è formato da ventotto brani divisi in quattro volumi selezionati dai centotrentotto capitoli che compongono l’omonimo poema in prosa del poeta andaluso. Ognuno di questi brani porta il nome del capitolo scelto dal compositore, nella sua lingua originale, lo spagnolo ed in inglese, come anche i testi riportati tra i righi musicali.

La nostra scelta è stata quella di utilizzare il testo tradotto in italiano, nella traduzione di Carlo Bo per la Casa Editrice Passigli di “Platero e io”.

I brani all’interno dei quattro volumi sono stati numerati da Castelnuovo-Tedesco e non seguono alcuna consequenzialità di tipo musicale o poetico-narrativa.

"Quest'opera, viste le dimensioni, non è eseguibile nella sua interezza nell’ambito di una esecuzione dal vivo - spiega Pietro Benedetti - diventa quindi indispensabile una cernita dei brani da parte degli interpreti. Abbiamo scelto quindi i dieci brani del nostro programma sulla base della creazione di un filo narrativo che rappresenti una sintesi della narrazione nel suo complesso, aggiungendo due momenti di sola prosa particolarmente rappresentativi della poetica dell’opera di Jimenez.

L'opera narra, in accezione bucolica e favolesca, della vita di un asinello argentato (Platero) e del suo rapporto d’amicizia con il poeta, il tutto immerso nel paesaggio naturale delle campagne di un piccolo paesino andaluso: Moguer.

'È un libro dolcissimo, pieno di colori e di luci, un’elegia leggiera, che narra la storia dell’amicizia, della solidarietà fra l’uomo e l’animale, compagni di viaggi, scorrerie, ricordi, riflessioni; una favola' ...

Il compositore fiorentino Mario Castelnuovo-Tedesco ha composto i 28 brani dell’Op. 190 creando un connubio tra musica e poesia, utilizzando la musica descrittiva per sostenere il testo poetico, costruendo la cornice musicale di quello che possiamo definire un melologo. Allo stesso tempo quest'pera appartiene al genere descrittivo della musica a programma; il testo poetico, ovvero il programma, è sostenuto dalla chitarra che commenta, risponde, propone e accompagna la narrazione".

L'ingresso è gratuito. Il green pass è obbligatorio.

Per info e prenotazioni: 3479514581