Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Etruria Musica Festival: un cartellone che unisce classica e jazz

Spettacolo
Font

TARQUINIA - Torna l’Etruria Musica Festival, in una versione primaverile che segna l’edizione numero diciotto di una kermesse che da sempre porta in città spettacoli di alto livello e musicisti di caratura nazionale e internazionale.

E per questa edizione della “maggiore età”, ospitata nella cornice solenne del teatro comunale “Rossella Falk”, il Comune di Tarquinia, sotto l’egida del Ministero della Cultura, della Regione Lazio e di ATCL, ha scelto di dare alla rassegna un taglio inedito, unendo per la prima volta nella storia del festival due generi tra loro vicini come la musica classica, da sempre anima della kermesse, e il jazz.

Un nuovo inizio, insomma, per l’Etruria Musica Festival, che dopo il Covid, rilancia con un forte impulso e l’entusiasmo che serve per crescere negli anni.

A inaugurare la stagione, il 18 marzo prossimo, il quintetto di Greta Panettieri: una delle voci più affascinanti del panorama italiano e internazionale, cresciuta artisticamente a New York è musicista, cantante, compositrice e autrice di testi anche per le canzoni di artisti come Toquinho, Gegè Telesforo, Ainé. Etc.… Nel 2018, il Jazzit Awards la consacra come una delle migliori cantanti jazz italiane di sempre.

Il 25 marzo sul palco del teatro tarquiniese sale il Giovanni Benvenuti Quartet (Giovanni Benvenuti sax tenore, Giacomo Dal Pra al pianoforte, Francesco Pierotti al contrabbasso e Dario Rossi alla batteria) con “Paolina and the Android”.

Ad aprile tre appuntamenti: si inizia il 23, con “In viaggio con Chopin” assieme a Gloria Campaner (piano) e Madif (testo e voce): Gloria Campaner, veneziana classe 1986, è considerata una delle pianiste più versatili e trasversali della sua generazione, ha calcato palcoscenici come la Carnegie Hall di New York e la Kioi Hall di Tokyo.

Quindi, il 24, Gegè Telesforo porta a Tarquinia il suo quartetto (Domenica Sanna al piano, Luca Bulgarelli al contrabbasso e Michele Santoleri alla batteria) con “Impossible Tour”.

Chiusura il 30 aprile con il Trio Eidos composta da Ivos Margoni al violino, Stefano Bruno al violoncello e Giulia Loperfido al pianoforte.

Tutti gli eventi sono in programma con inizio alle 21.30 e per l’ingresso saranno richiesti super green pass e mascherina FFP2.

Biglietto singolo al prezzo di 10 euro, con possibilità di abbonamento a 40 euro: per informazioni e prenotazioni è possibile rivolgersi all’Infopoint di Tarquinia, presso la Barriera San Giusto, oppure al numero di telefono 0766 849282 o scrivendo una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..