Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

La Banda dei Carabinieri suona per i 25 anni della Fondazione Carivit

Spettacolo
Font

VITERBO - Concerto della Banda dell'Arma dei Carabinieri al Teatro dell'Unione. Giovedì 14 dicembre la Fondazione Carivit festeggia in musica i 25 anni dall'istituzione. Alle ore 17, sul palcoscenico la formazione dell'Arma eseguirà brani dal suo ampio repertorio, proponendo tradizionali marce militari, brani classici, ma anche esecuzioni moderne e contemporanee, tra le più celebrate.

I 102 elementi della banda daranno vita a uno spettacolo unico nel suo genere, dove la musica si fonde al fascino degli orchestrali con le loro uniformi. Ogni esibizione è in grado di coinvolgere il pubblico, trascinato da melodie eterne e ritmi più incalzanti. La Banda dell'Arma è considerata a tutti gli effetti una formazione orchestrale completa. “Una banda sinfonica che suona come un'orchestra”, o “un'orchestra di fiati”, come è stata definita. Negli anni ha conseguito successi non solo in Italia, ma in tutto il mondo, come le celebrazioni del Columbus Day del Millennium a New York.

Un gruppo che parte da lontano, quando nel 1831 in Piemonte, con il nuovo ordinamento all'esercito da Carlo Alberto, fu stabilito in 18 il numero di musicanti per ogni reggimento di linea e di 24 per la "Compagnia Guardie del Corpo di Sua Maestà". Quindi l'arrivo dei primi trombettieri, l'inserimento nel tempo di strumenti, per dare vita prima alla “Fanfara”, poi alla “Musica” e infine, alla “Banda” che con il passare degli anni ha assunto la fisionomia attuale. Oggi è diretta dal Maestro Massimo Martinelli e i suoi elementi si sono diplomati nei migliori conservatori italiani.

L'appuntamento del 14 dicembre all'Unione è a ingresso gratuito e i biglietti si possono ritirare esclusivamente dal 12 dicembre presso l'ufficio turistico di Viterbo in piazza Martiri d'Ungheria, per un numero massimo di quattro a persona.