Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Elettra Lamborghini: la regina del Twerking si mostra dolce e semplice per l'abbraccio con i fan viterbesi

Protagonisti
Font

VITERBO - Il ciclone Elettra Lamborghini è passato in piazza della Rocca, al Mondadori store, atteso da centinaia di fan, tantissimi giovanissimi, accompagnati da genitori.

La città dei papi è stata la seconda tappa nazionale del firmacopie, dopo l'esordio milanese, del cd Twerking queen El resto es nada, ripubblicato con alcuni inediti, compresa la canzone sanremese "Musica, e il resto scompare". Per questo motivo tanta è stata l'attenzione, non solo per i suoi ammiratori della Tuscia ma anche da parte di tanti innamorati della "regina del twerking" giunti da province e regioni vicine.

Come sempre accade nei firmacopie protagonista una lunga fila, fatta da almeno 300 giovanissimi, che hanno atteso l'attimo dell'incontro, pochi secondi vicinissimi ad Elettra, per molti un  bacio e un abbraccio, uno scatto personalizzato e la sua preziosa firma sul cd fresco di stampa.

Emozionanti i momenti dedicati alle più piccole, 6, 8 o 10 anni, bambine incantate davanti al proprio idolo. Elettra è stata dolcissima con tutte, non si è mai atteggiata a diva, anzi, ha sdrammatizzato con battute e tanta simpatia. Non è mancata qualche lacrima di emozione e, soprattutto, tanti regali. Il top è stato il latte di soia, tutti sanno che la cantante ne fa un uso smodato, e quale occasione migliore per regalarlo? Un pensiero avuto da tante, alla fine le confezioni si sprecano. Arrivano anche letterine personalizzate, disegni, poster, cartelli e qualche pacchettino con magliette e gioielli.

Tra i tanti in fila anche una coppia di studenti universitari stranieri, in città per l'Erasmus, che hanno scambiato quaclhe battuta in spagnolo, lingua perfettamente conosciuta da Elettra, fortissima in Sud America.

Teresa Pierini