Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

VITERBO - La seconda parte del mese di maggio è caratterizzata dalla riapertura progressiva di diversi musei e monumenti in Italia. Tra questi, a Viterbo riapriranno sia il Polo monumentale Colle del Duomo (Museo, Cattedrale e Palazzo dei Papi) sia il Museo del Sodalizio dei Facchini di Santa Rosa.

VITERBO - Lunedì 18 maggio riapre Pratogiardino. Prevista nello stesso giorno la riapertura dei parchi termali del Bullicame e delle Piscine Carletti, resta confermato il divieto di balneazione. Riapre anche il giardino di porta della Verità.

A darne notizia è il sindaco Giovanni Maria Arena insieme all'assessore al verde pubblico Enrico Maria Contardo. "In maniera graduale, e con tanta prudenza, stiamo tornando alla normalità. E la nostra normalità passa anche da Pratogiardino. Soprattutto per i nostri piccoli concittadini e le loro famiglie - ha sottolineato il sindaco Arena, dopo aver firmato le apposite ordinanze di revoca (n. 64 e n. 65) -. Da lunedì possiamo riassaporare anche la libertà di frequentare i parchi termali comunali del Bullicame e delle Piscine Carletti. Per la balneazione bisognerà attendere ancora qualche giorno. Queste riaperture sono segnali importanti, che ci consentono di riconquistare le nostre abitudini. Il virus però non è scomparso. Per questo dobbiamo fare ancora molta attenzione, rispettando tutte le regole previste per evitare nuovi contagi".

"In questi giorni, in previsione della riapertura, sono stati realizzati interventi all'interno della villa comunale - ha spiegato l'assessore Contardo -. Tra questi ricordo lo sfalcio dell'erba su tutta l'area, la potatura delle siepi e l'innalzamento delle fronde degli alberi, la messa in sicurezza di alcune staccionate lignee esistenti, il ripristino di una panchina in peperino. Ricordo che le attrezzature ludiche per i più piccoli non possono essere utilizzate. Le aree che ospitano i giochi all'interno di Pratogiardino - e degli altri parchi comunali pubblici - sono delimitate e interdette, in ottemperanza al DPCM 26 aprile 2020. Sono stati realizzati interventi di manutenzione al verde pubblico anche nei parchi termali comunali, alcuni lavori sono in corso per la pulizia delle vasche. Dal prossimo lunedì, i parchi del Bullicame e delle Piscine Carletti saranno nuovamente accessibili, ma non sarà ancora possibile immergersi nelle acque termali".

Nello specifico, ecco alcuni dettagli delle due ordinanze firmate dal sindaco. Per quel che concerne la riapertura di Pratogiardino e del giardino di porta della Verità, sarà consentito l'accesso al pubblico, purché sia assicurata la distanza di sicurezza interpersonale di un metro per tutte le attività, e di due metri per le attività sportive. Restano vietati gli assembramenti e si conferma la chiusura delle aree attrezzate per il gioco dei bambini. I custodi e/o gestori dei giardini pubblici, ove presenti, dovranno contingentare gli ingressi affinché vengano rispettate le regole disposte attraverso la suddetta ordinanza n. 64 e monitorare il rispetto delle stesse.

Per quel che riguarda invece le aree termali, sarà consentito l'accesso del pubblico alle aree/parchi termali denominate "Parco del Bullicame" e "Piscine Carletti" purché sia assicurata la distanza di sicurezza interpersonale di un metro per tutte le attività e di due metri per le attività sportive. Restano vietati balneazione e assembramenti. I custodi e/o gestori di tali aree, ove presenti, dovranno contingentare gli ingressi affinché vengano rispettate le regole della suddetta ordinanza n. 65 e monitorare il rispetto delle stesse.

 

VITERBO - Sono 43 i progetti innovativi vincitori del bando "L'Impresa fa Cultura" finalizzato alla promozione del patrimonio culturale del Lazio attraverso l'uso di nuove tecnologie. L'Avviso pubblico, con una dotazione di oltre 5,6 milioni di euro, aveva come obiettivi il miglioramento del networking tra i luoghi della cultura, la promozione degli artisti e dell'artigianato creativo, l'allestimento di nuovi spazi culturali permanenti, la realizzazione di eventi, performance, mostre artistiche e la creazione di laboratori artistici e didattici.

Altri articoli...