Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

VITERBO - Tanto paga Pantalone: peccato che pantalone siamo noi, come sempre. Oggi in consiglio comunale è andata in scena il più classico degli spettacoli deprimenti, con una risicato gruppo di persone, in arte consiglieri comunali, che hanno deciso l'aumento della Tari, un bel 15% tondo tondo che va a coprire danni di anni di errori.

ROMA - La televisione si ferma in segno di rispetto per la prematura scomparsa di Fabrizio Frizzi, morto stanotte all'ospedale Sant'Andrea. Sia la Rai, la sua azienda di sempre, che Mediaset, hanno sospeso quelli che sono i tradizionali giochi, come le trasmissioni di intrattenimento.

VITERBO - Dal simbolo della Lega è sparito il termine Nord ma la città dei papi ha mostrato di essere tradizionalista e per l'arrivo di Matteo Salvini è calato un gelo polare degno del Nord Italia, un freddo che lo avrà fatto senitre a casa. A scaldarlo militanti e simpatizzanti, che sono man mano cresciuti, dalla tappa iniziale alle Ex Terme Inps, passando per l'inaugurazione della sede in piazza Verdi per finire al migliaio di coraggiosi che hanno scelto di essere presenti in piazza del Plebiscito. 

VITERBO - "Tradurre, gli studenti lo sanno, è un esercizio faticoso, che, per di più, sembrerebbe quasi privo di utilità, o semplicemente distaccato dal quotidiano. Eppure, anche questo gli studenti lo sanno, più o meno consapevolmente, tradurre è anche una preziosa palestra intellettuale": viene presentata così, in una nota del liceo Buratti, la nuova edizione del Certamen Viterbiense della Tuscia.

VITERBO - Una telefonata alle undici di sera, una proposta che sembra folle, e forse per questo altrettanto bella. Il pensiero che scorre in testa, si può fare, si, ma abbiamo tutto il tempo. Lo faremo. Quel tempo improvvisamente scompare, si azzera in una fredda giornata invernale. Chi ha telefonato non c'è più. Chi ha ricevuto la chiamata decide che è giunto il momento di farla quella cosa folle: una passeggiata da camminatori veri sulla via Francigena, con gli occhi attenti del cronista, pronto a notare tutto e a trasformare l'esperienza in una guida emozionale, di quelle uniche.

Altri articoli...