Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

San Pellegrino in fiore 2018: profumi e colori nel centro storico

VITERBO - Inaugurata la trentaduesima edizione di San Pellegrino in fiore, organizzata dall'omonimo ente autonomo. Un caldo sole di primavera avanzata ha accolto figuranti, musici e autorità per il tradizionale taglio del nastro, che per la prima volta è stato sotituito da una decorazione di foglie e fiori, assolutamente in tema.

L'ultima edizione dell'era Michelini ha visto protagonista molti consiglieri comunali, specie di maggioranza, impegnati a parlottare due a due, la neo assessora regionale Troncarelli e il consigliere Panunzi. Da piazza del Plebiscito, dedicata alle bontà della Camera di Commercio, Piacere Etrusco, è partito il consueto corteo inaugurale, annunciato dai musici e dagli sbandieratrici del Centro storico e del Pilastro, che per l'occasione ha portato nelle vie anche il corteo storico.

La manifestazione è ormai una certezza, con il tempo si sono persi gli allestimenti azzardati, a vantaggio di prati, fontane, e tappeti di fiori che portano colori e allegria senza eccessi. Torna per il secondo anno consecutivo la Compagnia delle lavandaie, che ha allietato i turisti e i passanti sul ponte del Duomo, esibendosi nel sottostante incantenvole lavatoio.

Tra bancarelle che vendono fiori, piante grasse e arbusti, tante occasioni di visita, come gli angoli solidali, Villa Rosa che ha allestito piazza Scacciaricci, e i ragazzi speciali di Eta beta con il mercatino dei prodotti realizzati a mano, nel cortile San Carluccio, dove tra i tavoli dell'associaione Bella Galiana è possibile gustare una tonificante tisana.

Piazza San Pellegrino punta sulla fontana, una cascata allegra che adorna la scalinata della chiesa.

Tutto il centro è un fiorire di iniziative, che arrivano fino a Pianoscarano, dove è presente la Via dei fiori, e La quercia, dove il complesso del Santuario della Madonna della Quercia diventa speciale già dalla scalinata, con la riproduzione dello stemma della città, e i due chiostri rinascimentali stupiscono con il giardino all'italiana e la fontana abbracciata dalle petunie. Lunedì 30 aprile è inoltre in programma una visita guidata notturna, che mostrerà tutte le bellezze del complesso.

San Pellegrino in fiore aspetta visitatori e turisti fino al 1° maggio 2018.

Teresa Pierini