Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

NEPI – Tre anni di lavoro per far sbocciare un tesoro rosso: è il sogno avviato dal Consorzio Zafferano di Nepi nel 2016, partito da 60 mila bulbi amorevolmente piantanti come prova ed oggi, giunti al terzo raccolto annuale, sviluppato su 6 ettari in 5 aziende agricole, che “ospitano” 600 mila preziosi bulbi, per un successivo raccolto di 6 chilogrammi, un numero già dignitoso rispetto ai 600 chilogrammi nazionali, con l'ambizioso obiettivo di arrivare a 60 nei prossimi anni.

VITERBO – Chiusa la Porta santa del Santuario dedicato alla Madonna della Quercia: si conclude così il Giubileo straordinario della misericordia concesso da Papa Francesco per celebrare i sei secoli di devozione per l'immagine miracolosa della Madonna con Bambino dipinta sulla tegola e posta sopra una quercia.

VITERBO – Celebrato il Patto d'amore straordinario, con il rinnovo della devozione cittadina per la Madonna della Quercia, pronunciata nell'atto ufficiale al termine della messa. Testimoni centinaia di confratelli che hanno partecipato alla processione del XV Cammino delle Confraternite del Lazio (a fine articolo altre foto della processione e della messa).

VITERBO - Ennesimo successo, con Gloria che è volata letteralmente tra le vie, fiorando tetti, toccando il cielo (le foto proseguono al termine dell'articolo). E' ormai consolidato l'amore tra la creatura di Raffaele Ascenzi e la città, tanto che il sindaco Arena coinvolgerà i cittadini in una sorta di referendum per capire se dare un'ulteriore uscita, e sarebbe il 2020, prima di rinnovare il bando.

VITERBO - Tanta emozione, già previdibile nel pensiero di dedicare il Trasporto 2018 ai caduti della Grande Guerra, di cui 650 viterbesi, tra cui molti Facchini, pensando però alla ripresa, alla fine del conflitto e al ritorno al Trasporto della Macchina, quel 3 settembre 1918, di cui si festeggia il centeranio (la gallery delle foto prosegue al termine dell'articolo).

VITERBO - L'annunciata pioggia non ha fermato il corteo storico, che è regolarmente partito dal santuario e dopo una breve sosta per non rovinare i costumi nel breve momento di maltempo, tutto è tornato normale. Ad attendere i figuranti i facchini schierati in piazza, sulla porta del Duomo il reliquario con il cuore di Rosa, il vescovo Fumagalli e la delegazione della chiesa copta (oltre alla gallery sopra, altre foto sotto).

VITERBO - "La dovete far volare": sono state queste le parola di incitamento urlate dal capofaccino del Sodalizio, Sandro Rossi, sotto il "capannone" prima della partenza, ospite del Comitato centro storico e soprattutto in staffetta con il capo dei MInifacchini del centro, Alessandro Lucarini.

VITERBO - La Macchina di Santa Rosa è un concentrato di emozioni, le minimacchine, merito dei giovanissimi facchini, lo sono ancora di più, ma quando un centinaio di ragazzi accetta di fare uno sforzo in più per ricordare le vittime del 14 agosto a Genova l'emozione tocca il cuore di tutti.

VITERBO - Ci perdoneranno al Sodalizio se per una sera proviamo a vedere "rosa": merito delle centinaia di bambine, ragazze e signore (c'era qualche maschietto ma in netta minoranza) che per tutta la salita verso la mossa hanno camminato a passo spedito, strette al braccio come il cordone dei Facchini, vestite di bianco e rosso, con bandana in testa e urlo d'ordinanza "Evviva Santa Rosa", incitate proprio da Sandro Rossi, alternando al coro che sta più a cuore ai viterbesi, quel nannanà nannanà nannanà, base ritmica de "La sera del Tre", inno del Sodalizio.