Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

CANINO - “Massimo eyewear: un marchio emergente che sta rappresentando il Made in Italy nel mondo, in particolare oltreoceano, con i suoi elegantissimi occhiali in legno pregiato. Sono rimasto particolarmente colpito dalla straordinaria realtà imprenditoriale che ho visitato ieri - sottolinea l'onorevole Mauro Rotelli - insieme al rappresentante di Fdi di Canino, Mauro Colagè.

VETRALLA -  Un open day dedicato al gluten free per far conoscere i molteplici prodotti senza glutine del Forno Bacciani: si terrà il 19 gennaio, per tutta la giornata, l’iniziativa dell’impresa vetrallese che da anni si dedica con passione e dedizione alla realizzazione di prodotti innovativi e della tradizione, sempre di altissima qualità.

CASTIGLIONE IN TEVERINA - Nuovo record di esportazioni per il vino italiano, come riportano i dati Istat in merito alla vendemmia 2018, che hanno messo in luce un aumento dell’export del vino Made in Italy del 6% rispetto l’anno scorso. Con questi dati, l’Italia festeggia un nuovo primato storico: il vino italiano aumenta la sua produzione del 15% continuando lo scontro storico con la Francia.  Inoltre con questa crescita su base annuale stimabile intorno ai 6 miliardi di euro, il vino acquista il primo posto tra le voci dell’export agroalimentare nazionale diventando traino del Made in Italy all’estero.

TUSCANIA - "Sollecitato ad esprimere un parere su quanto accaduto in una classe della scuola elementare dell’istituto comprensivo 'Ildovaldo Rodolfi' di Tuscania a proposito del nome di Gesù che una insegnante ha tolto dalla canzone di Natale e sostituito con la parola 'laggiù' forse per non offendere la sensibilità dei 'vicini di banco' non cattolici, come comunità ecclesiale condividiamo lo stupore e la meraviglia delle famiglie, delle istituzioni civili e di quanti faticano a capire la logica di una scelta didattica che contraddice il ruolo stesso della scuola, chiamata ad offrire un’educazione aperta e inclusiva e non esclusiva soprattutto di ciò che costituisce la nostra identità e le nostre radici più profonde".

Altri articoli...