Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

La Fiera del Vino di Montefiascone va oltre l'Est! Est! Est! e apre alle cantine nazionali

Sagre e Feste
Font

MONTEFIASCONE - Tutto pronto per la 60esima fiera del vino di Montefiascone, ad annunciarlo il sindaco Paolini con gli assessori Massimo Ceccarelli e Paolo Manzi.
Un calendario ricco di avvenimenti che dal 2 al 15 agosto animeranno il centro storico falisco, un appuntamento a cui l'amministrazione comunale non ha voluto rinunciare nonostante le difficoltà.

Pin It

“Fino allo scorso anno era la Proloco che si occupava dell' evento – esordisce il sindaco Paolini - quest'anno vista la riduzione di budget hanno preferito declinare. Montefiascone non poteva di certo rinunciare a questa tradizione e questa importante vetrina, così abbiamo deciso che la Fiera si sarebbe fatta e, posso rassicurare, sarà una fiera in pompa magna”.

Un'edizione che vedrà il 4 e il 5 agosto l'esibizione delle Frecce Tricolori, “ un evento di portata storica– ha annunciato l'assessore Manzi – evento clou che porterà circa 30.000 persone sul lungolago”.

Trentamila euro la somma a disposizione per organizzare il tutto, si chiede collaborazione e partecipazione ai cittadini affinchè si lavori per la riuscita dell'evento, a sottolinearlo l'assessore Ceccarelli:“Difficile strutturare una fiera del vino con una somma del genere, ma confidiamo sull'affluenza di presenze che sicuramente non ci deluderà”.

E proprio per combattere la crisi questa edizione vedrà per la prima volta la partecipazione di diciotto cantine italiane, “non possiamo fossilizzarci solo con il nostro territorio non è solo la fiera dell'Est, est est, ma un momento di confronto e crescita con le altre realtà vinicole italiane, proprio per questo abbiamo messo in cartellone incontri con docenti universitari ed esperti sui settori dell' enologia, cultura e turismo”.

Il prezzo di entrata è di 2,50 euro a serata, previsto anche un abbonamento di 12 euro valido per tutta la manifestazione con un bicchiere di vino in omaggio.

Dalla nota dell'amministrazione non è charo come sia stata recipita la notiza da parte delle cantine locali, come non è chiara la gestione del biglietto per i residenti, sicuramente ci sarà modo di chiarire entrambe le notizie.

Il fitto programma partirà il 2 agosto alle 21.30 da piazzale Roma con l'inaugurazione, e poi via tutte le sere con musica live, mostre d'arte, concerti, disco music per i più giovani, spettacoli teatrali, performance di danza e pittura. E ancora Michelle Zarrillo, Jalisse e Orietta Berti in concerto a piazzale Vittorio Emanuele e piazzale Mauri.

“Abbiamo cercato di accontentare tutti i gusti e coinvolgere gran parte delle zone del centro storico - aggiunge Ceccarelli - abbiamo alzato le saracinesche chiuse da tempo, grazie alla collaborazione dei proprietari di locali sfitti, e li abbiamo allestiti con prodotti tipici e artigianato per arricchire ulteriormente il percorso. Ai visitatori, grazie alla formula abbonamento, chiediamo un contributo di circa 70 centesimi a serata, uno sforzo sostenibile”.