Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

La carica delle 500 Tuscia Club Viterbo: domenica il 22° meeting

Sagre e Feste
Font

VITERBO - Ventuduesima edizione del Meeting nazionale Fiat 500 e derivate: l'auto più amata dagli italiani sarà protagonista domenica 9 settembre in piazza della Rocca, per una mattinata a tutto motori.

Pin It

E' l'assessore De Carolis ad accogliere gli organizzatori: "Complimenti per l'iniziativa, che ha 22 anni di storia, un raduno che porta tante persone da ogni parte d'Italia e li porta anche in visita a Teatro e Basilica Santa Rosa".

L'evento è stato illustrato da Mara Piergentili, da 2 anni presidente del 500 Tuscia Club. "Siamo presenti a supporto di tanti eventi della città, come la Calza della Befana e il Carnevale viterbese, e poi ci concentriamo nel meeting, in cui accogliamo tanti ospiti che potranno conoscere la nostra bellissima città". 

Piazza della Rocca diventerà quindi una luogo di esposizione di auto storiche, Fiat 500 e non solo, anche Bianchine e tante altre "derivate". Al momento sono ben 170 le auto iscritte, per 300 partecipanti provenienti da tutta Italia.

L'arrivo è previsto tra le 9 e le 9.30, alle 10 si inizieranno a muovere i gruppi della visita guidata al Monastero e alla Casa di Santa Rosa e l'altra al Centro storico. Gli amici della 500 apprezzeranno la città fino alle 12.40, orario in cui si muoverà la carovana di auto storiche per raggiungere il ristorale Acqua Rossa, dove è previsto il pranzo di gruppo.

La conferenza si è conclusa con i ricordi del sindaco Arena: "Mi piace raccontare del mio rapporto con la 500, quella di mamma, era il '66 e gli rubavo la chiave e scappovo a guidare nelle vie deitro l'ellera, senza patente... quell'auto è stata la mia prima compagna di emozioni.  E poi la giardinetta del '60, con noi tre figli dietro, in viaggio verso la Sicilia, con mio padre costretto a cambiare la gomma bucata, e poi bucammo ancora due copertoni. Arrivammo a destinazione praticamente sui cerchioni".