Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Dancalia: le foto di Gianni Tassi mettono in mostra “il posto più crudele sulla faccia della terra”

Mostre
Font

CIVITA CASTELLANA - “Dancalia, terra di conquista” è il reportage realizzato dal giornalista e fotoreporter Gianni Tassi in mostra al museo della Ceramica Casimiro Marcantoni dal 24 marzo al 13 aprile. Quaranta ingrandimenti fotografici che vogliono evidenziare l’importanza e la bellezza di uno degli ultimi tesori dell’Africa che tra pochi decenni potrebbe non esistere più. L’ennesimo scempio ambientale che si sta consumando nell’indifferenza del mondo intero.

Pin It

La Dancalia, depressione vulcanica al confine tra Etiopia, Eritrea e Repubblica di Gibuti. Centomila chilometri quadrati al cui interno esiste una terra che la rivista del National Geographic ha definito “il posto più crudele sulla faccia della terra”. Sotto quel territorio così unico e dal fragilissimo ecosistema c’è un bacino minerario di potassio valutato in 105 milioni di tonnellate che fa gola alle grandi aziende multinazionali di Canada, Stati Uniti, Cina e Norvegia.

Ad anticipare la mostra l’incontro di venerdì mattina al Mice con gli studenti delle scuole medie superiori di Civita Castellana durante il quale Gianni Tassi proietterà un video fotografico sulla Dancalia e racconterà il viaggio in quella terra e i motivi del reportage.