Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Consacrazione internazionale per Civita di Bagnoregio: in copertina della guida Loney Planet "Italia in 52 weekend"

Libri
Font

BAGNOREGIO - Doppietta di livello per Civita di Bagnoregio che prosegue nell'operazione immagine in vista della cerimonia ufficiale per le prossime proclamazioni a Patrimonio dell'Umanità Unesco.

Pin It

Questa settimana il borgo sospeso domina la copertina di due importanti pubblicazioni, una nazionale, la guida Touring Club della collana Verdi pocket "Terre Etrusche tra Lazio e Toscana", una internazionale, la guida Loney planet "Italia in 52 weekend - itinerari inconsueti tra natura, arte e tradizioni", dedicata ad un luogo viterbese per la prima volta nella sua storia.

Un successo che prosegue e che ormai celebra Civita di Bagnoregio come il gioiello della Tuscia, ed era prevedibile, ma anche del centro Italia e della Naziona intera.

La Lonely Planet è una casa editrice australiana  che diffonde guide turistiche in tutto il mondo, in Italia sono tradotte e pubblicate dalla casa editrice EDT di Torino. La loro pagina Fb vanta più di 2 milioni di follower.
La loro storia editoriale iniziò nel 1973 con la prima guida per il pubblico australiano dedicata all'Asia, scritta e pubblicata da Tony Wheeler, un ex ingegnere della Chrysler, e da sua moglie Maureen a Sydney, diventando poi delle vere e proprie bibbie per i viaggiatori, certi che avrebbero trovato curiosità e dettagli unici. Da questo nasce anche il nome della collana, che letteralmente significa "pianeta che si sente solo", un invito verso il lettore a visitarlo.

Invito che è stato colto con gioia dal sindaco Luca Profili che lancia anche un piccolo slogan celebrativo del territorio ma anche del lavoro compiuto dalla sua amminsitrazione e dalla precedente targata Bigiotti, ora amministratore unico di Casa Civita: "Chi poteva esserci? tac! - commenta orgoglioso il primo cittadino, che aggiunge - Civita di Bagnoregio in copertina sulla Lonely Planet rappresenta un punto molto alto, se non il più alto, per una destinazione turistica. Pensare da dove siamo partiti e dove siamo ora, è davvero incredibile. Proteggeremo questo lavoro per proiettarlo nel futuro, la candidatura Unesco è centrale in tutto questo. Avanti!"

Teresa Pierini