Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Un tuffo nel passato, tra sorrisi e riflessioni serie sulla vita: successo per il libro di Ivan Guaragno

Libri
Font

TARQUINIA - Ha già venduto 500 copie, in questi giorni è stato ristampato ed è in vendita su Amazon. Si tratta del libro scritto dal tarquiniese Ivan Guaragno, oltre 200 pagine di ricordi, avventure e prese di coscienza su cosa sia la vita, fatta di gioie e dolori, perché – come scrive l'autore – la vita è unica, bellissima, e la cosa più straordinaria è che riserva sorprese incredibili".

Pin It

Già il titolo, "Trent'anni da fagiano prima del lampione", lascia interdetto il lettore, ma leggendo il libro se ne scopre il significato.

"Il termine fagiano – spiega Ivan Guaragno – lo usavamo fra amici, in maniera amorevole, quando, da giovani, scherzando facevamo delle sciocchezze. Il mio è stato un modo ironico di vivere la vita, ma come il Fagiano, che quando lotta per il suo ideale lo fa fino alla morte, anche io, se dovevo fare qualcosa sapevo dedicarmici seriamente. Ho vissuto così per trent'anni, saltando di qua e di là senza dare un senso alla mia vita. Poi, una sera, sotto a un lampione, è accaduta una cosa che ha cambiato decisamente tutto il mio modo di essere. Lì ho iniziato a riflettere su chi ero veramente, cosa avevo costruito oltre alla carriera lavorativa, su cosa mi aspettavo dal mio futuro, dalla mia vita e cosa mi avrebbe reso felice.

Lavoro come agente di commercio - prosegue - sono sposato con Elisa, ho due bambini Daniel e Gabriel, che per fortuna somigliano a lei. Il fatto che mi ha spinto a scrivere il libro, è stato quando mio figlio Gabriel, il più grande, è stato convocato d'urgenza in ospedale per un sospetto tumore alla testa, che fortunatamente è risultato essere il 'morbo di Drusen'. Mio figlio era salvo. Questa esperienza veloce ma terribile, mi ha aperto nuove prospettive. Ho sentito il bisogno di dire grazie a qualcuno e di metterlo nero su bianco.

È un libro equilibrato – aggiunge – fra ironia e divertimento, a tratti profondo e commovente. È la narrazione di una vita vera, e come tale, più cresce la scrittura e più il libro si fa maturo. L'ho scritto di notte, per non togliere tempo alla famiglia, e ci sono voluti tre anni di lavoro".

L'incasso della vendita è devoluto interamente all'associazione Edoardo Marcangeli "A casa di Edo", sodalizio che assiste i bambini malati di leucemia e tumore e le loro famiglie. Chi acquista il libro, concorre attivamente a questo progetto così importante.

"Mi ha colpito quello che fanno e ho deciso di aiutarli – prosegue Ivan - li ho chiamati, ho conosciuto i genitori di Edoardo, è stato un incontro commovente che ha segnato questo mio nuovo percorso. Il libro è dedicato a un mio grande amico, anche lui purtroppo, nato al cielo per colpa di una leucemia a soli 19 anni, Alessio Tosello di Viterbo, una persona meravigliosa.

Bisogna fare del bene, sempre – conclude Ivan Guaragno - soprattutto ai bambini che hanno bisogno di sorridere".