Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

La doppia notte del Jazz up: Saturn’s Quilt e la tradizione napoletana con Peppe Servillo e Danilo Rea

Spettacolo
Font

VITERBO – Una serata con due appuntamenti da non perdere: Peppe Servillo e Danilo Rea, a piazza San Lorenzo, e la giovane band dei Saturn’s Quilt, a piazza della Morte. Gli eventi, a partire dalle 21.30, nascono dalla collaborazione fra il JazzUp e Caffeina Festival.

Pin It

Per la quinta serata della kermesse musicale (martedì 24 giugno) arrivano sul palco del JazzUp i Saturn's Quilt. Un progetto nato dalla mente del cantautore Carl Stevens con l’intenzione e la volontà di ricreare, attraverso la poesia, musica che evochi le emozioni di una giornata in riva all’oceano. Un sound acustico da spiaggia, che allo stesso tempo si presta ad accompagnare un rilassante picnic pomeridiano. Note che accarezzano la mente e allontanano lo stress della vita quotidiana. All'interessante progetto si sono uniti i musicisti: Ettore Ferretti, alla chitarra, e Annalia Eva Duranti alle percussioni.

On stage: Carl Stevens - voce, ukulele, chitarra; Ettore Ferretti – chitarre; Annalia Eva Duranti - batteria, percussioni.

Per gli amanti della tradizione napoletana impossibile perdere l'appuntamento in programma a piazza San Lorenzo. Sul palco Peppe Servillo e Danilo Rea per un viaggio in duo tra le perpetue trame della canzone partenopea, dove le melodie dei compositori più celebri rivivono nell’appassionata interpretazione di Peppe Servillo e nelle accese note del pianoforte di Danilo Rea.

I poetici testi di Murolo, Bovio, Carosone, quelli evocativi di Je Te vurria Vasà, Reginella, Era De Maggio, si uniscono all'improvvisazione e all'emozione del momento con eleganza jazz, senza tralasciare una doverosa citazione al grande Modugno ed altri memorabili autori.