Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Cresce l'attesa per il trio jazz Lemon Three-O: la serata JazzUp dona un sound ricco di suggestioni

Spettacolo
Font

VITERBO - Una proposta musicale originale ed inconsueta, che trasfigura in versione acustica alcuni brani del repertorio della canzone italiana d’autore più ricercata e dal respiro internazionale.
Con una formazione in prima assoluta arriva questa sera, dalle 21.30, al Jazzup Festival: il trio Lemon Three-O.

Pin It

Illustri jazzisti per un appuntamento da non perdere, che restituisce atmosfere e melodie impresse nell’immaginario attraverso sonorità contemporanee, nuove e inaspettate. 

Il legame tra il jazz e le sue radici spirituali è profondissimo: in questo progetto Silvia Manco le indaga attraverso un ricco e ricercato repertorio, che prende spunto da autori e interpreti quali Randy Weston, Bobby Timmons, Horace Silver, Abdullah Ibrahim, Junior Mance, Andy Bey, Nina Simone, Roberta Flack, Donny Hathaway, Ray Charles fino a ricongiungersi, lungo questo fiume sotterraneo, alla contemporaneità con brani originali e di autori nel nu-soul-jazz.

L’approccio soulful e il pianismo di matrice churchy rivivono nel sound del trio, carico di sapori e suggestioni (anche esotiche) legate alle diaspore di popoli. Un trio dichiaratamente groove-oriented con momenti di grande lirismo.

La fascinazione antica e l’adesione totale ad un linguaggio musicale, che nasce dall’anima, nutrono questa performance.

On stage: Silvia Manco: piano e voce - Francesco Pierotti: contrabbasso - Matteo Bultrini: batteria.