Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Premio Fausto Ricci: è Fiorenza Cedolins la presidente di giuria della settima edizione

Spettacolo
Font

VITERBO – L'associazione XXI secolo è già al lavoro per la prossima edizione del Premio internazionale di canto lirico Fausto Ricci, che nel prossimo autunno celebrerà la sua settima edizione, di nuovo nella perla viterbese del Bel Canto: il teatro dell'Unione.

Pin It

Ancora una volta grande lavoro in sinergia tra l'associazione e una serie di realtà cittadine: il Touring Club Viterbo, Lions Club e Atcl con il Comune di Viterbo.

L'organizzazione è lieta di annunciare ancora una volta una presidente di giuria di altissimo spessore: a presiedere il gruppo di lavoro che selezionerà i migliori e li giudicherà nella finale sarà il soprano Fiorenza Cedolins, con la direzione artistica del maestro Fabrizio Bastianini.

La cantante, apprezzatissima nel mondo della lirica, una delle poche la cui presenza può creare quel clima di “attesa” che è ormai così raro nei teatri italiani, sta lavorando al debutto palermitano ne La Cleopatra di Berlioz e ha accettato l'invito giunto da Viterbo con tanto entusiasmo, specie per la passione con cui si dedica ai giovani e ai talenti.

“Oltre allo studio e ai continui debutti, dedico gran parte della mia attività all'insegnamento – confessa Fiorenza – aiutando sia chi si avvicina alla lirica che i giovani da perfezionare. E' la nostra arte suprema, il nostro più grande primato che ci invidiano ovunque e che fa avvicinare studenti da tutto il mondo”. Gli iscritti del Premio Ricci, infatti, da anni provengono da vari continenti, con grande partecipazione dall'Oriente e dall'America, oltre ovviamente ai tanti giovani italiani.

“Come docente mi piace trasmettere non solo la tecnica di canto – prosegue – ma anche quella stilistica, nozioni che non si trovano sui libri ma si tramandano oralmente una volta acquisiti, ammirando altri professionisti. E' con l'esperienza che si impara e si può diffondere agli allievi. Sono davvero felice per questa responsabilità, pur enorme: sarà un piacere ascoltare giovani talenti e testimoniare l'avvio del loro futuro, che si potrà sviluppare fin da subito nei ruoli d'opera a concorso”.

A breve sarà pubblicato e diffuso il bando di iscrizione al Premio internazionale di canto lirico Fausto Ricci, in programma nel primo fine settimana di ottobre 2019 al Teatro dell'Unione di Viterbo.