Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Bernabei porta Follya nei Dear Jack: la band si presenta a Battiti con la nuova formazione

Protagonisti
Font

VITERBO - Tornano in Tv i Dear Jack, stavolta nella nuova formazione, la quarta della storia, molto vicina a quella iniziale uscita da Amici di Maria De Filippi, sopravvissuta all'uscita di Alessio Bernabei, con l'innesto del cantante Leiner, poi diventata a quattro con la promozione a voce di Lorenzo Cantarini e ora senza di lui, tornata all'iniziale front man Alessio Bernabei e con un nuovo nome: Follya.

Pin It

Stasera su Italia Uno la prima uscita pubblica, dopo l'anticipo radiofonico del brano "Morto per te" (Polydor/Universal Music Italy), disponibile in piattaforma da ieri. L'occasione speciale è il nuovo Battiti Live 2022, che anticipa l'estate con un particolare format itinerante, realizzato in collaborazione con MSC Crociere, negli scali di Palermo, Malta, Barcellona e Marsiglia.

Si ritroveranno insieme, dopo anni, sullo stesso palco Alessio Bernabei alla voce, Francesco Pierozzi, chitarra, Riccardo Ruiu, batteria e Alessandro Presti al basso.

Il brano è una ballata dal suono pop-rock elettronico, che sconfina nel rap, una scelta che il frontman voleva e cercava da tempo. La tematica è quella vicina all'Alessio degli utlimi tempi (vedi articolo in calce), nata dalla sofferenza di un modo poco sano di gestire l'amore. Sono loro stessi a descriverlo così: "Quando l’amore supera ogni limite da raggiungere la dipendenza. L’amore, del quale non si riesce a fare a meno, può essere definito tale? Morire per amore vuol dire rinascere - speiga la band - imparare dagli errori del passato per crescere e vivere meglio il presente. In questo brano l’amore è tossico, raffigurato come una giostra, dove si alternano continuamente momenti di estrema euforia a lacrime di dolore. L’unico modo di salvarsi da questo luna park è mettere fine alla storia, essere consapevoli".

Una buona ripartenza per i ragazzi viterbesi, che vivono ancora una volta uno strappo, quello con il chitarrista Cantarini, provando a mettere un punto, con un nuovo nome ma tanti fan di un tempo, che nonostante la lunga assenza dal palco, non li hanno mai abbandonati.

Appuntamento stasera, a partire dalle 21:15 su Italia 1, i Follya, come da scaletta, saranno sul palco come quindicesimi su diciassette, quindi verso la fine della serata.

Teresa Pierini