Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Festa della Repubblica: l'artista Laura Allegrini omaggia la Patria con "Sorelle d'Italia"

Protagonisti
Font

VITERBO - L'artista Laura Allegrini ha scelto la festa della Repubblica, peraltro giorno del suo compleanno, per dichiarare di nuovo l'amore alla Patria dalla sua seconda residenza del cuore, il Libano. Per farlo ha scelto le donne, quelle coraggiose, quelle che lottano ogni giorno, quelle a cui Mameli aveva dedicato una strofa del Canto degli Italiani, poi rimossa.

Pin It

Fa giustizia sociale, anzi di genere, la brava artista viterbese, con il video Sorelle d'Italia, realizzato durante la chiusura forzata del 2020, e messo on line proprio a ridosso del 2 giugno 2022 ( in calce all'articolo è presente il link per ammirare il documentario).

Così viene descritto il lavoro: "Sorelle d'Italia è un breve excursus sulle donne italiane a partire dal 1847, anno in cui il giovane Goffredo Mameli scrive Il Canto degli Italiani, musicato dal compositore Michele Novaro, canzone patriottica destinata a diventare l’Inno Nazionale Italiano.
Dal Risorgimento, e attraversando i due conflitti mondiali, l’emancipazione delle donne italiane si interseca all’evoluzione storico-sociale dell’Inno di Mameli e Novaro".

Non mancano le scelte delle donne, che si schierano e si impegnano da una parte o dall'altra con la stessa convinzione e passione, come spiega Laura nel video, dove viene anche svelata la parte dell'inno dedicata alle donne.

"Il 2 giugno 1946, le donne italiane raggiungono un altro grande traguardo - prosegue la nota - a suffragio universale votano nel Referendum Istituzionale, indetto per dare la forma di Stato all’Italia.
Pochi mesi dopo viene ripristinato Il Canto degli Italiani di Mameli e Novaro in sostituzione della Marcia Reale, diventando in via provvisoria l’Inno Nazionale Italiano.
Dal 1963 si comincia a discutere di reclutamento femminile nelle Forze Armate, ma soltanto il 20 ottobre 1999, con la legge 380, sarà data alle donne la possibilità di arruolarsi volontariamente.
Con la legge 181 del 4 dicembre 2017 Il Canto degli Italiani, diventa ufficialmente l'Inno Nazionale Italiano".

Scritto diretto e montato da Laura Allegrini, musiche originali di Norma Habis.
L'Inno Nazionale Italiano è cantato da Laura Allegrini.

T. P.