Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Rombi e colori: in città sfreccia la 1000 Miglia

VITERBO - Tradizionale passaggio della 1000 miglia in città, in transito da Roma e verso nord, destinazione Brescia, città d'origine e punto d'arrivo della classica per bolidi storici.

Questa mattina per le vie del centro e in piazza del Plebiscito, dove l'Automobile Club Viterbo ha organizzato il consueto timbro di punzonatura, sono passate centinaia di auto storiche, accolte dalle bandierine e dagli applausi degli appassionati a bordo strada.

Tra i tanti piloti e navigatori, nella fotogallery è possibile ammirare lo chef Carlo Cracco, su Lancia Aurelia B20GT2000, del 1951, numero di gara 337, al passaggio viterbese come autista, vicino al navigatore Carlo Fanti, e Guido Bagatta, alla guida di una Alfa Romeo Giulietta sprint veloce, del 1956, numero 352, insieme a Matteo Perale.

Saluto speciale, con consegna di un trofeo ricordo, per Massimo Saggini, pilota di un equipaggio viterbese su Jaguar XK 120 SE, del 1954, con il numero 327.

Teresa Pierini