Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

L'imbattibile Peroni conquista la Cronoscalata. Sandro Zucchi arriva undicesimo

MONTEFIASCONE - E' il fiorentino Stefano Peroni, su Martini Mk32, numero di gara 15, a vincere la Cronoscalata Lago Montefiascone, con il tempo su manche di 2'03.24, mantenuto anche nella seconda, come dimostra l'aggregato che lo designa vincitore con 4'06.33, migliorando il tempo dello scorso anno, quando arrivò comunque primo (sfoglia la gallery, con il vincitore in apertura e tanti altri protagonisti).

Si difende bene Sandro Zucchi, medico e presidente Automobile Club Viterbo, attuale campione italiano cat. 3000, che con la sua Lucchini SN 85, numero 5, nella somma dei tempi, arriva undicesimo con 4'51.19.

Questa 23ma edizione, proposta in versione estiva rispetto al passato, ha visto in corsa un centinaio di auto, quelle scese in pista tra le 150 iscritte, divise tra Auto moderne e C.I.S.V.A., in gara sulla salita dal Lago a Montefiascone per due manche.

Un paio di incidenti, tutti senza conseguenze per i piloti, un tamponamento nella prima manche (tornata all'arrivo sul carroattrezzi nella sosta tra le due gare), un cappottamento nella seconda, all'altezza della postazione 6, per cui sono intervenuti due mezzi dei vigili del fuoco, quest'anno addetti alla sicurezza, l'ambulanza, solo a titolo precauzionale, e un secondo carroattrezzi. Nessun problema per il pilota, M. Lupi Grassi, se non la sofferenza nel vedere la propria A. Healey Sprite Lenham gialla decisamente malridotta (come mostrano le foto). Una Mini ha molto probabilmente rotto il cambio, e si è fermata lungo la salita, mentre un'altra auto ha urtato le balle di protezione. All'arrivo una contestazione ha sottoposto la giuria al superlavoro di controllo del motore, rivelandosi poi infondata e lasciando invariata la classifica come da tempi raccolti in gara (clicca qui per tutti i risultati).

La carovana di auto, dopo i controlli in piazza Roma, è tornata in parata sul lago, dove si è svolto il pranzo di gruppo seguito dalla cerimonia di premiazione.

Teresa Pierini