Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Divino Etrusco: dopo il taglio del nastro pronti ad immergersi nel gusto e nella tradizione

TARQUINIA - Il DiVino Etrusco entra nel vivo: dopo l’inaugurazione di giovedì sera, proseguono per la serata di venerdì 23 giugno gli eventi e lo spettacolo per le vie di Tarquinia. Il tutto, naturalmente, a far da cornice al grande protagonista della kermesse più attesa dell’estate tarquiniese: il vino, con la possibilità di degustare i prodotti di oltre trenta aziende, in rappresentanza delle città della Dodecapoli etrusca, con la sapiente guida di Carlo Zucchetti.

Immancabile il taglio del nastro tricolore da parte del sindaco Giulivi, contornato da tutta la sua maggioranza, vicesindaco Serafini e assessore Tosoni sempre al suo fianco, insieme alla vice sindaco della città metropolitana di Roma, Teresa Maria Zotta, l'ente che raccoglie la Capitale e tutti i comuni della provincia, alcuni direttamente protagonisti nella kermesse attraverso la Dodecapoli etrusca. Presenti anche il senatore Fusco e, direttamente dalla Lega viterbese, Contardo, Perlorca, Evangelista e Micci.

Le autorità e tutti i presenti sono stati poi invitati al brindisi inaugurale, gestito da Carlo Zucchetti davanti ad un tavolo con tutti i vini della manifestazione, con quelli tarquiniesi in prima fiila.

Ad aprire il programma del venerdì sera, la novità dell’edizione 2019 del DiVino: la rassegna letteraria che in tre giorni spazierà su temi diversi, toccando differenti target di pubblico. Il debutto è affidato – alle ore 19 a piazza Cavour – a Marco Scolastici, tarquiniese, autore del libro “Una yurta sull’Appennino”, edito da Einaudi, in cui racconta la sua scelta di restare a vivere e lavorare nell’azienda a Macereto tra le enormi difficoltà del terremoto che tre anni fa ha messo in ginocchio il Centro Italia. Scolastici, presente all'inaugurazione, non ha nascosto l'emozione: "Sono davvero lieto di presentare il libro in casa, vale davvero doppio anche perché è legato al tema della terra. E' un anno che lo presento e ho avuto grande soddisfazione nel far conoscere la mia storia, soprattutto per creare quella contaminazione fondamentale alla crescita del mondo agricolo".

Una storia che, lungi dall’essere pura cronaca, diventa un percorso emotivo nella storia di Marco e della sua famiglia, in un gioco di anelli che si collegano dal punto di vista narrativo e da quello del destino. A condurre la chiacchierata con l’autore sarà il direttore de lextra.news, Stefano Tienforti.

Poi, dalle 21 circa, l’apertura degli stand delle aziende, ma intanto il centro storico si animerà del profumo dello street food diffuso ad opera dei locali del centro storico tarquiniese e con la presenza delle mostre in vari punti espositivi cittadini. Piazza Soderini ospiterà gli showcooking di Vittoria Tassoni, con la partecipazione di Anna Moroni, condotti da Carlo Zucchetti, che proporrà anche una degustazione guidata.

Tra vie e piazze, si esibiranno World Sound Machine, Soreta e Komorra, Jessica Angiolini & Roberto Pizzo Duo, Diva’s Quartet, British Invasion, Mascalzoni Latini, Plugged Duo, Ukus in Fabula, mentre tre delle piazze principali – rispettivamente piazza San Giovanni, piazza Cavour e piazza Matteotti – ospiteranno gli spettacoli degli artisti di strada Warner Circus, Daniele Cardellini e Federica Fattori.

L’edizione 2019 del Divino Etrusco, inserita nell’ambito di “Lazio delle Meraviglie” della Regione Lazio, è in programma dal 22 al 25 agosto ed è organizzata dal Comune di Tarquinia in collaborazione con la Proloco Tarquinia, Polo Museale del Lazio, Divini Commercianti, Viva Tarquinia, Dot Raw,Domus Artiis, Tarquinia Film Office Aps ed il patrocinio della Camera di Commercio di Viterbo.

T. P.