Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Le befane della Calza più lunga del mondo 2020 vincono la sfida della solidarietà

VITERBO - La tradizione si è ripetuta: la Calza più lunga del mondo inventata 20 anni fa dal centro sociale Pilastro è tornata per le vie del centro storico, tra ali di folla che hanno applaudito tutto il percorso.

Complice una domenica scaldata dal sole, tutto il centro è pieno di persone, di cui tantissimi camperisti e ovviamente bambini. Caramelle per tutti, tanto che verso il Pilastro, punto d'arrivo, scarseggiano nelle tasche delle cento e passa befane, che devono rallentare il lancio per accontentare tutti.

Da applausi poi la vendita delle calze, già andata alla grande in prevendita, con un'importante raccolta fondi che sarà donata all'Associazione italiana persone down, sezione di Viterbo.

Spettacolo ormai collaudato, dalla partenza dalla calza, gonfiata con il supporto dei vigili del fuoco, trasportata dalle auto del 500 Tuscia club fino al Sacrario. Poi il tratto a piedi, in marcia dietro la banda folcloristica Apolline Bianchi di Bassano in Teverina e le majorettes bianco-blu Starlight di Grotte Santo Stefano. A San Faustino si torna in marcia sulle Cinquecento, verso il Pilastro, per la festa finale nel luogo simbolo dove tutto è iniziato, il Centro sociale.

T. P.