Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Migliaia in visita al Presepe Vivente di San Faustino

VITERBO - Secondo anno per uno dei presepi viventi più piccoli ma ricchi della zona: nello spazio esterno della parrocchia di San Faustino (dove è presente un presepe statico permanente da non perdere) dal 2019 è nata questa tradizione che in un solo anno si è consolidata arrivando a 1.600 visitatori nelle prime due giornate, a cui si sommeranno le migliaia di oggi.

Merita davvero, perché in pochissimi metri quadrati non manca nulla, anzi, come da tradizione sono presenti assaggini e gustosi omaggi, che rendono la visita piacevole e spingono a lasciare l'offerta che andrà in beneficenza. Tra le particolarità l'accoglienza con la scena del sogno di Giuseppe, che accetta Maria come sposa, con in grembo il figlio di Dio, e un mulino ad acqua che spinge la ruota per la farina, davvero spettacolare; poi pastori, soldati romani, donne intente a cucinare, fabbri, falegnami, ciabattini e tutto quello che era vita comune, decisamente semplice, duemila anni fa.

Alla fine, ovviamente, l'omaggio alla Sacra Famiglia, che oggi si è arricchito con l'arrivo dei Magi, accompagnati dagli scout e dai musici del Pilastro. Davanti al bambinello l'omaggio in lingua d'epoca a Gesù bambino, la deposizione dei doni, per l'ultimo atto della rappresentazione della Natività, a beneficio dei tantissimi presenti.

T. P.