Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Santa Rosa 2020: tanta gente sul "percorso". La città non si rassegna

VITERBO - La città ha superato, stringendosi, il 3 settembre più buio degli ultimi anni: l'unico dal dopoguerra senza Macchina di Santa Rosa.

L'ha fatto unendosi alla sua Rosina nel Santuario, con le messe e le visite alla mostra che si apre con l'esposizione del suo corpo, lo hanno fatto scendendo per strada nella sera più attesa, nonostante non ci fosse nulla da attendere.

Tutto è iniziato con l'accensione di due fari che proiettano fasci di luce verso l'infinito nei due luoghi principali del Trasporto, la Mossa a San Sisto e l'arrivo sul Sagrato, piazza Facchini di Santa Rosa. Un gesto simbolico che ha dato la luce che in questo anno complicato non ha attraversato la città.

Subito dopo la breve celebrazione in piazza San Lorenzo, con la proiezione sul duomo del video realizzato dalla Rete delle grandi macchine a spalla, patrimonio immateriale Unesco, una sorta di collage per immagini delle quattro manifestazioni, con coda personalizzata sui Facchini e sul loro sforzo della sera del 3.

Tante le parole di speranza, legate ad un 2021 che tutti vogliono credere riporterà alla normalità, e di fiducia. La prima dei Facchini, che per bocca del presidente del Sodalizio Mecarini ha ricordato la grande voglia di recuperare questo Trasporto in uno straordinario (magari a giugno 2021), speranza al momento raffreddata dall'amministrazione che comunque promette un 3 settembre 2021 indimenticabile.

E dopo il video la passeggiata lungo il percorso, che mostriamo nelle tappe della Macchina, ingentilite da fiori bianco-rossi, e che tanti viterbesi hanno fatto, provando ad assaporare un po' di atmosfera di festa. Per tutti la sosta sulla scalinata del Santuario, altra tappa irrununciabile la notte tra il 3 e il 4 settembre, dopo che la macchina è stata posata al grido del capofacchino "Santa Rosa Fuori".

Attendiamo il 2021 per ritrovare la nostra festa, e nel frattempo ricordiamo che Santa Rosa aspetta ogni giorno i viterbesi nel suo santuario.

Teresa Pierini