Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Inaugurato il monumento dedicato ai medici e ai sanitari vittime del Covid

VITERBO - Inaugurato il monumento dedicato ai medici e ai sanitari vittime del Covid, primo in Italia, fortemente voluto dall'Ordine provinciale dei medici chirurghi e degli odontoiatri di Viterbo, nonostante nella Tuscia non si siano registrati decessi.

La cerimonia si è svolta alla presenza delle autorità civili e militari, con numerosi cittadini. Presenti il sindaco Giovanni M. Arena, gli assessori Antonella Sberna, Marco De Carolis e Laura Allegrini, l’assessore regionale Alessandra Troncarelli, il consigliere regionale Enrico Panunzi, il consigliere comunale Antonio Scardozzi, la direttrice Asl Viterbo, Daniela Donetti, il presidente della Cri Viterbo, numerosi associazioni d'arma, senza effigi ed esponenti dell'imprenditoria cittadina.
Vicino al sindaco anche Giovanni Funari, autore della scultura in marmo, che riporta un caduceo insieme ad un fonendoscopio, mentre nella seconda pagina è scolpita la dedica “Ai medici e loro collaboratori che hanno dato la vita e a quelli che con dedizione hanno arginato la pandemia del Covid-19”. Chiusura con  le parole del presidente, il dottor Antonio M. Lanzetti “Questo monumento è dedicato a chi ha dato la cosa più bella: la vita”.

Anselmo Cianchi