Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Staffetta Tricolore: Tiziano Monti prende il testimone in piazza del Plebiscito

VITERBO - Secondo appuntamento per la Staffetta Tricolore, la corsa che nasce da un'idea di Alex Zanardi per celebrare la rinascita e che purtroppo un anno fa ha segnato il secondo brutto stop della sua carriera.

Non si ferma però la sua squadra, Obiettivo 3, che lo celebra e lo spinge a reagire ogni giorno meglio per superare dall'incidente. Come lo scorso anno, anche il 2021 segna il passaggio nella Tuscia, dove vive e si allena uno degli atleti della scuderia: Tiziano Monti.

Una staffetta che si estende, passa per il capoluogo dove viene accolta dall'amministrazione, presenti gli assessori De Carolis, Sberna, Mancini, ma anche i consiglieri Achilli, Scardozzi, Grancini e Marini, passati nelle fasi di attesa. La promessa pubblica è di essere ancora più protagonisti il prossimo anno, con la realizzazione di un vero villaggio che accompagni l'iniziativa e la presenti alla città come merita.

Tiziano attende l'arrivo di Marta Antoniucci, partita da Orvieto, che nel percorso ha accumulato un leggero ritardo. C'è modo di parlare con lui, con l'atleta che dopo un incidente stradale ha rivoluzionato la sua vita, mantenendo intatta la passione per lo sport e la voglia di farcela, sempre e comunque. Al suo fianco la mamma, il fratello, lo zio, una famiglia diventata staff per coronare il suo sogno, che ogni giorno presenta riconoscimenti e successi.

C'è tempo anche per ricordare il suo esordio nel Pianoscarano Calcio, primi anni del 2000, tra i pulcini che guardavano già curiosi la squadra dei "grandi", che poi avevano uno o due anni di più. E tra questi c'era Leonardo Bonucci, oggi neo campione d'Europa e ormai trascinatore incontrastato degli azzurri. "Ricordo le partite in allenamento - confessa - e si vedeva già che era forte, con una immensa voglia di vincere. Sapevo che ce l'avrebbe fatta".

Dal calcio al ciclismo, perché è la vita a decidere, lasciando intatta la voglia di mangiarsi l'asfalto. E tanto ne dovrà consumare oggi, 70 chilometri verso Civitavecchia, dopo il bagno di applausi e folla di casa, a Tarquinia.

Vai Tiziano, corri per l'orgoglio tricolore, corri per Alex.

Teresa Pierini