Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Il card. Comastri ai fedeli di Villanova: "Ho respirato la fede"

VITERBO - Grande partecipazione per la festa dei santi e martiti Ilario e Valentino, a cui è dedicata la chiesa di Villanova, che ha accolto sotto la porta santa ancora aperta il cardinal Comastri.

Una celebrazione sentita, presenziata dal vescovo Fumagalli, per l'illustre cardinale, che ha salutato con le parole più dolci, "Ho respirato la fede, grazie a voi per il raccoglimento e la preghiera", e ha donato alla parrocchia una reliquia di primo grado di san Giovanni Paolo II, il papa a cui è dedicato il teatro parrocchiale che è stato inaugurato subito dopo la celebrazione della messa.

Al cardinale è stato donato un bozzetto di Gloria, la Macchina di Santa Tosa, e una statua con i volti dei martiri e santi viterbesi. al termine è stata anche scoperta una lapide che ricorda questa storica visita, la prima di un cardinale nella parrocchia.

Vescovo Fumagalli e cardinal Comastri sono stati poi coinvolti nel taglio del nastro inaugurale del teatro parrocchiale San Giovanni Paolo II, avvenuto sotto gli occhi di don Emanuele e il supporto dei giovani della prima Comunione.

Il teatro sarà diretto dall'attore e regista Piermaria Cecchini, e non poteva essere altrimenti, perché fu lui molti anni fa, collaborando con don Armando Marini, a fondare nei locali di Villanova la Compagnia I giovani. Piermaria ha salutato il pubblico dal palco con un breve estratto di "A sud di Dio", uno dei suoi spettacoli dedicati proprio ad Ilario e Valentino, che descrive il loro martirio, la loro immensa fede, mentre sul palco i suoi storici allievi mettevano in scena qualche momento delle loro vite.

In conclusione, prima di ascoltare la canzone scritta da don Giosy Cento per i due santi, cantata di nuovo con i bambini della Comunione, non potevano mancare i ringraziamenti: a tutti i fedeli che volontariamente hanno lavorato per sistemare l'ultima proposta del centro parrocchiale, cucendo addirittura le tende e il sipario, senza dimenticare Sergio Saggini, che ha offerto l'insonorizzazione, l'architetto Federico Ciatti, ed Elettronica Mix per l'impianto.

Alla cerimonia erano presenti il sindaco Arena e tutte le autorità civili e militari, tra cui il generale Di Stasio.

Teresa Pierini