Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Babbo Natale riapre la sua magica casa, a San Pellegrino con la Befana e il new entry Grinch

VITERBO - Inaugurata la nuova edizione del Christmas Village, curata dal team di Andrea Radanich della FantaWorld, che porterà l'atmosfera natalizia nel quartiere di San Pellegrino fino al 6 gennaio 2023.

Taglio del nastro ufficiale con il sindaco Chiara Frontini, stamani accompagnata dall'assessore Notaristefano, alla presenza di Babbo Natale, il protagonista assoluto, e dell'organizzatore. Con loro il comandante della stazione Col. Friano, il questore Sant'Elia, il direttore della Banca di credito cooperativo di Roma, Mirco Marianello, sempre vicini alle iniziative culturali cittadine, il presidente del Sodalizio del Facchini di Santa Rosa Massimo Mecarini; a metà strada si è poi aggiunto il consigliere della Lega, Claudio Ubertini.

Il Viterbo Christmas Village quest'anno si svolge esclusivamente nel quartiere di San Pellegrino, dove sono stati allestiti in maniera rinnovata rispetto agli anni scorsi, la stalla delle renne, il Villaggio degli Elfi, con truccabimbi, il Laboratorio della Befana (presso la Zaffera), il rifugio del Grinch, new entry di questa edizione (palazzo Scacciaricci), la casa di Babbo Natale (palazzo degli Alessandri), e lo spazio dedicato alla collezione privata Lego (chiesa San Salvatore dei Molinari).

Il biglietto d'ingresso, acquistabile online e anche in piazza san Carluccio, prevede l'ingresso alle varie strutture, per chi volesse evitare l'eventuale fila è previsto un supplemento per saltarla ed entrare direttamente.

Teresa Pierini e Anselmo Cianchi