Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Al via il Christmas Village: a Viterbo è già Natale

VITERBO – Tutte le attrazioni del Christmas village Viterbo sono aperte, e con loro anche un mercatino che accompagna i visitatori nelle due piazze principali, piazza San Lorenzo, davanti al Papazzo Papale che ospita il presepe, e piazza San Carluccio, da dove iniziano gli allestimenti negli storici palazzi medievali cittadini.

Nell'aria la diffusione musicale che conclude il quadro: a Viterbo è quindi già Natale.

Come ogni anno l'inventiva della Fantaworld e di chi allestisce le attrazioni ha permesso di offrirsi ai visitatori, specie i più piccoli, nel modo migliore. I pupazzi animati cambiano destinazione di anno in anno, reinventando di fatto la narrazione e permettendo di fare ogni volta un viaggio nuovo.

I locali della Zaffera ospitano il mondo artigiano ed operoso, dagli elfi intenti a spedire con la posta pneumatica le letterine a Babbo Natale al ceraio, dal laboratorio di ceramica al villaggio nel cortile interno, fino agli animaletti, tanti i topini protagonisti, che aiutano la Befana, pronta a dare sorrisi e caramelle ai bambini.

Il viaggio prosegue verso San Pellegrino, con il Grinch che ha di nuovo occupato la torre di piazza Scacciaricci, tentando di fermare la gioia del Natale, senza riuscirci, però, perché la carrozza con le renne è già "parcheggiata" sotto gli archi e all'interno del palazzo degli Alessandri la stalla è piena, con tante renne insieme a Rudolph, per dare il cambio nel viaggio sui tetti portando regali. Sopra, nel piano nobile, Babbo Natale attende i bambini per un saluto e una foto ricordo.

Infine il presepe, che torna nelle scuderie del Palazzo Papale, con ingresso dalla Sala Alessandro IV, trasformata in una stanza nobiliare viterbese, con tanto di soffitti affrescati. Scendendo si ammirano scene di vita quotidiana del Trecento viterbese, partendo dalla fontana di piazza della Morte, riprodotta davanti a quelle delle 100 cannelle di Tivoli. Mestieri di ogni tipo, un gruppo di frati, il carcere nelle stanze sottostanti, fiumi da superare con ponti e mulini intenti a girare, fino alla Natività, dove già è presente l'intera Sacra Famiglia, mentre da lontano si ammira il viaggio dei Re Magi.

Un progetto che, tra figuranti ed operatori, coinvolge più di 120 persone e che è partito con i migliori auspici, segnando una prevendita di biglietti che si attesta con numeri tripli rispetto lo scorso anno.

All'inaugurazione sono intervenute le autorità civili, religiose e militari, accolti da Andrea Radanich: il presidente della Provincia Alessandro Romoli, per un saluto, il consigliere regionale Enrico Panunzi, il sindaco Chiara Frontini, il vescovo Orazio Francesco Piazza, molti assessori e consiglieri, sia di maggioranza che opposizione, e Massimo Mecarini per il Sodalizio Facchini di Santa Rosa.

Teresa Pierini e Anselmo Cianchi