Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

L'atto finale del Palio dei Borgia a Nepi: corteo storico e consegna dei premi e del drappo

NEPI - Domenica di festa nel paese, che vede chiudere il lungo cartellone del Palio dei Borgia con la consegna del drappo alla contrada vincitrice: San Biagio.

Tutto si celebra dal forte dei Borgia, dove giungono i quattro cortei dalle relative contrade, per poi ripartire due a due, intervallate dal corteo storico di Nepi, con le principale figure, partendo da papa Borgia.

L'arrivo in piazza permette un impatto scenografico straordinario che immerge la graziosa piazza in quell'atmosfera rinascimentale che l'ha resa famosa.

Prima delle premiazioni un altro momento scenico, con la vestizione di Bradamante, immaginario cavaliere donna raccontato dall'Ariosto. 

La festa si conclude premiando il miglior personaggio femminile, andato a due giovani dame di San Biagio, miglior personaggio maschile, quello impersonato da Mirko per Santa Maria e poi la miglior contrada per scenografia storica, andata all'unanimità a Santa Maria.

Rullo di tamburi... il palio realizzato da Stefano Mancini viene innalzato dal priore di San Biagio, che lo mostra ai vari angoli della piazza, tra la festa dei contradaioli di casa e qualche volto amaro di chi non ha vinto.

Il corteo riparte, tutti vanno verso le cantine per allestire l'ultima eccezionale cena, apprezzatissime dal pubblico, mentre il gruppo di San Biagio si concede ancora un attimo di festa, con lo spettacolo dei musici, vincitori di Harmonia, e uno scatto davanti al palazzo comunale. (in apertura).

Teresa Pierini e Anselmo Cianchi