Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Genitori e bimbi alla scoperta della Scuola Montessoriana al Complesso Ragonesi

Viterbo
Font

VITERBO - Tantissimi genitori alla scoperta del Metodo Montessoriano, che da settembre sarà applicato alla scuola per l'infanzia bilingue del Complesso scolastico Ragonesi.

Pin It

L'open day di questa mattina ha confermato l'interesse intorno al metodo inventato il secolo scorso da Maria Montessori, rimasto attuale e soprattutto efficace nonostante l'enorme cambiamento della società.

Un via vai di genitori, tutti accompagnati dai propri figli, immersi immediatamente nelle intuitive occasioni di gioco offerte dall'ambiente scolastico, mentre mamma e papà raccoglievano informazioni da insegnanti e collaboratrici. Ad accoglierli Susanna Castellett, formatrice dell'Opera Montessori, supervisore del lavoro che si sta realizzando a Viterbo, che sarà coordinato da Arianna Romoli, presente insieme ad altre due insegnanti.

Le famiglie hanno conosciuto gli ambienti che diventeranno le aule della scuola, ora attrezzati per l'adeguata istruzione delle insegnanti, sia nido che infanzia, che stanno seguendo un corso di formazione teorico, applicato nel training pratico sull'ambiente scolastico.

"Sono una ventina di ragazze per corso - ha precisato Susanna Castellett - tutte laureate in Scienze della formazione primaria, bravissime e pronte ad accogliere le nozioni di quella che è in pratica una scuola di vita. Gli ambienti, preprati dal Complesso Scolastico Ragonesi, sono perfetti, divisi tematicamente per materia e comportamenti educativi, e da settembre accoglieranno i bambini".

L'angolo della matematica, della logica, della musica, delle lingue, ma anche quello dei gesti manuali, quello del gioco e, fuori, l'orto: tutto a dimensione bambino, che impara e cresce in modo indipendente, facendo scelte libere, pur seguendo un percorso educativo codificato, e rispettando il suo naturale sviluppo fisico, psicologico e sociale.

Teresa Pierini