Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Battistoni: "Il radicamento sul territorio ha portato risultati. Ora puntiamo a vincere Palazzo dei Priori al primo turno"

Viterbo
Font

VITERBO – Forza Italia accoglie la stampa per commentare i risultati elettorali: al tavolo Giovanni Arena, Dario Bacocco, Giuseppe Fraticelli o ovviamente il neo senatore Francesco Battistoni. Seduti, i candidati Francesca Arena, Patrizia Pompei e Daniele Sabatini, con quest'ultimo che alle regionali ha raccolto il maggior numero di preferenze azzurre ed è risultato il più votato in assoluto nel comune di Viterbo.

Pin It

Nonostante sia un incontro di bilancio sulle recenti elezioni Politiche e Regionali è ovvio che l'interesse guarda al domani, alle imminenti amministrative per Palazzo dei Priori, in programma a maggio.

Si parte da quelle appena concluse, con Giovanni Arena (coordinatore comunale) che rivendica la giusta scelta sul candidato Parisi: “Il nostro dovere è stato fatto, è mancata solo una parte dei voti che sono andati a Pirozzi, con un ottimo risultato del centro-destra nel viterbese, dove Forza Italia è il primo partito alla regionali. Questo ci darà la spinta e la voglia per continuare in vista delle comunali di fine maggio''.

Un'analisi proseguita anche nell'intervento del coordinatore provinciale, Dario Bacocco, anche lui candidato alle regionali: “Nella Tuscia per le regionali abbiamo fatto un grande risultato, non ci aspettavamo una Lega così forte, è vero, ma noi siamo stati omogenei. Purtroppo il voto di protesta va ancora verso i cinquestelle e la divisione con Pirozzi ci ha penalizzato. La legge elettorale non ci aiuta, come non aiuta le province, punta tutto su Roma e anche da noi si rischia di non avere il seggio nonostante un grande risultato. Sabatini, forte della sua esperienza di consigliere uscente ha avuto 4.600 preferenze, io 2.600 e alla fine è entrata la Blasi per il M5s con solo 1.500. Su Pirozzi non voglio aggiungere altro, non ha voluto stare con noi, insieme sarebbe stato diverso, ora vedremo che posizione manterrà con Zingaretti, se davvero farà il salto, magari lui sarà soddisfatto così”.

In chiusura la soddisfazione di Battistoni: “Questa campagna elettorale ci ha dimostrato che il radicamento sul territorio porta risultati, insieme a Mauro Rotelli, con cui ho condiviso questo percorso, abbiamo notato come il gruppo dei moderati sia ancora forte e possa portare risultati. Non sottovalutiamo il forte successo della Lega, ma da questo dobbiamo ripartire. Abbiamo vinto in Comuni storici della sinistra, io ho addirittura preso 1.300 voti più del grillino a Civitavecchia, in casa sua, è arrivato il momento di ripartire. Ora ci aspettano le comunali, non pensiamo ai nomi, la cosa principale è trovare unità sul programma o poi ben venga scegliere tra tanti, meglio l'abbondanza no? Una cosa è certa: questa città merita qualcosa di diverso, il buon senso prevarrà e puntiamo ad una vittoria al primo turno. Per quanto riguarda Forza Italia, che per statuto prevede che le candidatura vengano decise al coordinamento regionale, faremo la nostra riflessione e proporremo un solo nome”.

Teresa Pierini