Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

La Brexit finisce per pesare sugli agricoltori. Per Rotelli (FdI): "Tuscia penalizzata"

Viterbo
Font

VITERBO - “Oggi più che mai, alla vigilia del Consiglio Europeo di giugno, in cui si dibatteranno temi di fondamentale importanza come l’approvazione del prossimo bilancio settennale (2021-2027) dell'Unione, l'Italia ha bisogno di essere guidata e rappresentata da un governo”, sottolinea il deputato di Fratelli d’Italia, Mauro Rotelli.

Pin It

“L’urgenza nasce dal fatto che, in seguito all’uscita del Regno Unito dall’Unione, si perderanno 12-14 miliardi di euro. Questo può causare delle contrazioni dei fondi per investimenti destinati alle Politiche Agricole, con tagli stimati intorno al 5%.

Si tratta di un’operazione che andrebbe a danneggiare in particolar modo i territori, come la Tuscia, vocati all’agricoltura e alle produzioni locali.
L’azione di un Governo di centrodestra, in questo quadro, servirebbe a recuperare intanto l’autorevolezza persa dall’Italia in questi anni di politica estera del centrosinistra.

Bruxelles ha continuato senza sosta a minare gli interessi italiani distraendo fondi a favore dell’accoglienza dei migranti.
Fratelli d’Italia si oppone fermamente a questo scempio ed è pronta a dare battaglia per impedire l’ennesima offesa", conclude Rotelli.