Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Una Rosa per Norma Cossetto: l'omaggio nato a Viterbo si estende in 120 città, anche a New York

Viterbo
Font

VITERBO - Si svolgerà sabato 5 ottobre 2019, contemporaneamente in 120 città, la manifestazione denominata “Una Rosa per Norma Cossetto”, con la quale il Comitato 10 Febbraio vuole onorare la giovane martire istriana sequestrata, orribilmente seviziata e gettata in una foiba dai partigiani comunisti slavi nel 1943.

Pin It

Nella Tuscia sabato l’appuntamento è in cinque comuni: Tarquinia, alle ore 10.30, al monumento ai Caduti di viale Luigi Dasti; Monte Romano, ore 11.30, monumento ai Caduti; Viterbo, ore 16.30, piazza Martiri delle Foibe (valle Faul); Castel Sant’Elia, ore 17, largo Caduti delle Foibe; Vasanello, ore 18, monumento ai Caduti.

La manifestazione ha travalicato l’oceano ed è giunta negli Stati Uniti. Infatti, nell’elenco delle città dove si svolgerà spiccano Arlington in Virginia e New York.

L’iniziativa è nata l’anno scorso a Viterbo da un’idea di Maurizio Federici e Silvano Olmi. I due esponenti del Comitato 10 Febbraio, che da anni nella Tuscia animano le iniziative in ricordo degli esuli e degli infoibati, visto il successo della celebrazione hanno proposto al presidente nazionale Edoardo Fonda di estenderla a tutta Italia.

“In due mesi abbiamo raccolto 120 adesioni – dichiara Silvano Olmi – un successo straordinario che ci è stato riconosciuto da tutti. Ancora una volta il comitato viterbese ha dimostrato di essere una delle realtà più attive dell’associazione.”

“Siamo orgogliosi che un’iniziativa nata nella Tuscia sia diventata d’interesse nazionale – prosegue Maurizio Federici – lo abbiamo ribadito martedì scorso durante la conferenza stampa che si è svolta alla Camera dei Deputati, alla presenza di parlamentari e giornalisti. Ringrazio il presidente Edoardo Fonda e il vice presidente Emanuele Merlino per la fiducia che hanno riposto in noi.”