Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Coldiretti Viterbo: un corso sulla potatura dedicato ai migranti

Viterbo
Font

VITERBO - Continuano le azioni di Coldiretti Viterbo per la formazione in campo agricolo. Nell’ambito del Fondo asilo, migrazione e integrazione 2014-2020, la Coldiretti Viterbo ha collaborato con il C.P.I.A. “Giuseppe Foti” Viterbo/Roma tenendo il “Corso di potatura delle piante da frutto”.

Pin It

Le lezioni sono state seguite da Vannino Cappelloni, Presidente Senior per Sempre provinciale ed anche regionale: “La formazione è un settore di cui mi sono sempre occupato all’ interno di Coldiretti – afferma Vannino – ma questa volta è stato particolarmente interessante poiché mi sono relazionato con persone proveniente da altri Paesi, con tradizioni agricole diverse dalle nostre, abituati ad altri climi ed altre coltivazioni. E’ stato un momento di crescita non solo per i frequentanti ma anche per me”.

“La formazione è da sempre uno degli asset strategici in Coldiretti - interviene Elvino Pasquali, Direttore Coldiretti Viterbo  - la diffusione di così tante informazioni attraverso internet spesso porta molti ad essere autodidatti. Questa consuetudine però, se non accompagnata da una corretta formazione, può rivelarsi fuorviante e talvolta molto pericolosa nel momento in cui ci si approccia al lavoro vero e proprio. C’ è sempre più necessità di figure professionali e di professionisti, noi siamo a disposizione per accompagnarle in questo percorso”.

Il programma verteva sulle tre produzioni principali della provincia del viterbese. Partendo da qualche cenno di biologia ed ecologia, come argomenti introduttivi, si è passati poi ad indicazioni dettagliate su pomacee e drupacee per poi scendere nel dettaglio della potatura della vite e dell olivo.

Le prime lezioni sono state svolte in aula presso le sedi del C.P.I.A. a Viterbo; purtroppo le due lezioni conclusive si sono dovute tenere a distanza seguendo i dettami dei DPCM susseguitisi nel periodo dell’ emergenza sanitaria.

“Come Presidente Senior per Sempre – conclude Vannino Cappelloni – ho il compito di tramandare la tradizione agricola e di raccontare come si siano evolute le cose. Ho la fortuna e l’onore di svolgere questo lavoro sia con adulti che con bambini all’ interno della scuola. Il mezzo digitale ci ha, fortunatamente, permesso di portare a conclusione le 30 ore stabilite dal programma ma, non nego, avrei preferito continuare a parlare vis a vis con tutti i partecipati”.

Dati i risultati positivi ottenuti, è prevista a breve una nuova serie di incontri nella speranza di ritornare ad una didattica che non solo insegni ma che permetta anche di creare comunità.