Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Prenotazioni vaccino over80 Regione Lazio: il sito va in down e funziona solo per 2.200 "fortunati"

Viterbo
Font

VITERBO - +++++ULTIM'ORA: da domani a support del server regionale arriva anche Poste Italiane++++ Il Lazio lancia la vaccinazione per gli over 80, ma i "fortunati" sono solo 2.200.

Pin It

Non ha funzionato, ammettiamolo, la campagna prenotazione lanciata dalla Regione Lazio. Tutto era annunciato per questa mattina, 1° febbraio, ma da più parti si scommetteva che non poteva funzionare, almeno all'inizio. E così è stato, il sito è andato in down praticamente subito, tanto che da Salute Lazio si sono subito affannati ad annunciare, via social, che la prenotazione slittava alle 12.

Altro giro, altro disastro: alle 12 non funziona ancora, e gli ultra ottantenni restano appesi ai vani tentativi di figli e nipoti, che da stamani aggiornano il sito, senza alcun risultato.

Ci sono dei fortunati però, 2.200 sono riusciti a prenotarsi stamani in soli 7 minuti. Chi saranno non è dato sapere, ma nemmeno che poteri possano avere, visto che per i comuni mortali non è stato possibile arrivare ad alcuna schermata iniziale, figuriamoci alla prenotazione.

Beati loro, verrebbe da dire, anche con un pizzico d'invidia. Per tutti gli altri, inventiamoci qualcosa di più facile, magari una lista dei propri medici di base.

Il lato positivo c'è (sigh), la comunicazione funziona, pochi minuti fa al Tg2 (e chissà in quanti altri) hanno annunciato che nel Lazio è partita la prenotazione, peccato nessuno si sia preoccupato di verificarla, ma questo è tutt'altro discorso.

Teresa Pierini