Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Riserva Naturale Valle dell’Arcionello: annunciato un tavolo di confronto con le realtà del territorio

Viterbo
Font

VITERBO - È convocato per giovedì 24 marzo alle ore 16:00 presso la Sala Consiliare della Provincia di Viterbo, in via Saffi 49, un incontro con le associazioni, comitati cittadini, istituti universitari e di ricerca che intendono collaborare con la Provincia per la valorizzazione della Riserva Naturale Valle dell’Arcionello a Viterbo.  

È infatti ferma intenzione della Provincia di Viterbo, che è l’ente gestore della Riserva in questione, quella di proseguire e intensificare le iniziative e le politiche di tutela e promozione dell'area protetta. L’incontro del 24 marzo si pone dunque come tavolo di confronto con i cittadini e le realtà del territorio per ascoltare le loro istanze e idee e valutare insieme i prossimi passi da compiere per promuovere la Riserva.   

Tutte le associazioni, comitati cittadini, istituti universitari e di ricerca sono invitati all’incontro. Coloro che intendono partecipare sono pregati di comunicare la loro presenza entro martedì 22 marzo inviando una mail all’indirizzo presidente@provincia.vt.it oppure telefonando al numero 0761 313337 della Segreteria dell’Ufficio di Presidenza. 

Saranno presenti alla riunione il Presidente della Provincia di Viterbo Dott. Alessandro Romoli, il Consigliere delegato all’ambiente Dott. Ermanno Nicolai e la responsabile del Servizio Gestione Aree Protette Dott.ssa Lucia Modonesi. 

La Riserva Naturale Valle dell’Arcionello è una grande area verde di 438 ettari che dal monte Palanzana si estende fin quasi a toccare le mura storiche della città di Viterbo. La Riserva presenta al suo interno boschi di castagni, querce, lecci, pareti in pietra vulcanica, sorgenti e corsi d’acqua che ospitano anfibi protetti dalla normativa comunitaria.

 

Pin It

VITERBO - È convocato per giovedì 24 marzo alle ore 16:00 presso la Sala Consiliare della Provincia di Viterbo, in via Saffi 49, un incontro con le associazioni, comitati cittadini, istituti universitari e di ricerca che intendono collaborare con la Provincia per la valorizzazione della Riserva Naturale Valle dell’Arcionello a Viterbo.  

È infatti ferma intenzione della Provincia di Viterbo, che è l’ente gestore della Riserva in questione, quella di proseguire e intensificare le iniziative e le politiche di tutela e promozione dell'area protetta. L’incontro del 24 marzo si pone dunque come tavolo di confronto con i cittadini e le realtà del territorio per ascoltare le loro istanze e idee e valutare insieme i prossimi passi da compiere per promuovere la Riserva.   

Tutte le associazioni, comitati cittadini, istituti universitari e di ricerca sono invitati all’incontro. Coloro che intendono partecipare sono pregati di comunicare la loro presenza entro martedì 22 marzo inviando una mail all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure telefonando al numero 0761 313337 della Segreteria dell’Ufficio di Presidenza. 

Saranno presenti alla riunione il Presidente della Provincia di Viterbo Dott. Alessandro Romoli, il Consigliere delegato all’ambiente Dott. Ermanno Nicolai e la responsabile del Servizio Gestione Aree Protette Dott.ssa Lucia Modonesi. 

La Riserva Naturale Valle dell’Arcionello è una grande area verde di 438 ettari che dal monte Palanzana si estende fin quasi a toccare le mura storiche della città di Viterbo. La Riserva presenta al suo interno boschi di castagni, querce, lecci, pareti in pietra vulcanica, sorgenti e corsi d’acqua che ospitano anfibi protetti dalla normativa comunitaria.