Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Torna il Mercato Europeo... ma copre le vetrine dei negozi di via Marconi

Viterbo
Font

VITERBO - Torna il Mercato europeo e in via Marconi serpeggia il malcontento, che in particolare viene espresso da una mail ricevuta da una delle attività commerciali della via.

Pin It

"Al via tra poche ore la seconda edizione del Mercato europeo a Viterbo. L'evento, in programma fino a domenica 16 giugno in via Marconi, piazza dei Caduti e piazza della Repubblica, organizzato dall'associazione nazionale operatori su aree pubbliche (ANVA Confesercenti) in collaborazione con il Comune di Viterbo – assessorato allo sviluppo economico locale e turismo, la Confesercenti e ANVA provinciale, con il patrocinio della Provincia di Viterbo e della Camera di Commercio di Rieti e Viterbo, proporrà quattro giorni di street food con cucine on the road, birrifici, prodotti tipici, enogastronomia e area mercato". Questo l'annuncio dell'amministrazione comunale.

Un evento che ha suscitato la reazione dei gestori di Passioni Donna, titolari di due attività di cui una proprio in via Marconi (nella foto le due vetrine dietro la bandiera francese e soprattutto dietro gli stand, la cui copertura posteriore chiude di fatto la visione del negozio).

Questa la nota che riceviamo e pubblichiamo: "Ogni iniziativa volta a ridare vita al centro storico di Viterbo è naturalmente ben accolta da tutti. Meglio sarebbe se, in fase di programmazione di tali eventi, venissero coinvolti gli operatori commerciali della zona interessata, rendendoli parte attiva dell'iniziativa. Ad esempio, concordare un orario di apertura prolungato potrebbe rendere tutto più coinvolgente e luminoso.

Sarebbe ideale anche pensare a una disposizione diversa delle strutture, in modo da non penalizzare le vetrine dei negozi che, con l'attuale disposizione, gran parte vengono completamente coperte, escludendo di fatto i negozi dall'evento e penalizzando oggettivamente la normale attività.

Nessuna intenzione di polemizzare - concludono - anzi, va fatto un plauso all'iniziativa. Tuttavia, è necessaria una maggiore attenzione nell'organizzazione, valutando in maniera più attenta soluzioni che possano soddisfare le esigenze di tutti.

Quindi? Abbiamo tempo per organizzarci per i mercatini di Natale..." concludono rassegnati da Passioni Donna, certi che ormai per questo fine settimana nulla potranno pretendere mentre molto si potrebbe fare in futuro, al ripertersi di iniziative del genere e soprattutto verso il Natale, quando il tempo di "occupazione" della via dovrebbe essere più lungo, andando a colpire un periodo su cui gli esercenti fanno molto affidamento per le vendite.