Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Rotelli (FdI): "Chiederemo al MInistro di fermare l'invasione delle nocciole turche"

Provincia
Font

VITERBO - “L’invasione di nocciole turche, con oltre il 30% di importazione, ed il conseguente innalzamento del potenziale di pericolosità, per l’alto contenuto di aflatossine cancerogene, è un dato che deve destare attenzione e, nello stesso tempo, provoca grande preoccupazione.

Pin It

La Tuscia, con oltre 25000 ettari coltivati, fornisce il 5% della produzione mondiale, tra l’altro di altissima qualità - questo in una nota dei deputati di Fratelli d’Italia Mauro Rotelli e Luca De Carlo - vista la certificazione Dop della nocciola romana, garanzia di standard elevati.

Fratelli d’Italia è da sempre in prima linea nella tutela delle eccellenze nazionali e la nocciola vi rientra a pieno titolo.
La prova tangibile è rappresentata anche dai numerosi accordi, stretti sul territorio, con le maggiori aziende del comparto, che hanno interesse a trasformare i prodotti migliori.

La nocciolicoltura costituisce inoltre, per il viterbese, uno dei più importanti settori economici con migliaia di lavoratori impiegati, a vario titolo, nella filiera.

E’ pertanto nostra intenzione presentare immediatamente un’interrogazione al Ministro competente per chiedere quali siano le misure che intende introdurre, al più presto, per evitare le gravi conseguenze derivanti dalle massicce importazioni di nocciole turche, prive dei necessari controlli di qualità e salubrità cui sono sottoposte quelle italiane.

E’ urgente un intervento rapido ed incisivo in tal senso - concludono - atto a scongiurare irreparabili rischi sia per la salute dei consumatori che per l’economia di un territorio, come quello della Tuscia, per il quale la corilicoltura rappresenta uno settori trainanti”.