Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Civita Castellana verso il voto: il centro destra si unisce a sostegno di Giampieri

Provincia
Font

CIVITACASTELLANA - La Lega ritira il proprio candidato a sindaco e "si sposa" insieme a Forza Itaia al candidato della Meloni, unendo di fatto il centrodestra. La nota: "un passo di lato per il bene del paese".

Pin It

E' questo il nocciolo della questione-sindaco, che nelle ultime ore ha visto la reunion tra la Lega, Forza Italia e Fratelli d'Italia in vista della tornata elettorale del 20 e 21 settembre.

Schietta l'analisi del senatore Umberto Fusco: "La scelta è stata chiesta dai cittadini di Civita Castellana, dopo le dimissioni del sindaco Franco Caprioli abbiamo dovuto rivedere tutto l'assetto del partito proprio sul territorio. Abbiamo ragionato sulle forze, sulle persone su cui potevamo contare, ed è logico che siamo intervenuti anche sui responsabili, del resto l'amministrazione-Caprioli era formata per gran parte da uomini della Lega".

Poi ha aggiunto: "Abbiamo fatto questa prima analisi prendendo insieme a Forza Italia la decisione di candidare il nostro giovane Matteo Massaini. Ma poi c'è stata una seconda fase, quella della ricognizione del territorio, e abbiamo capito che la gente tifava per un centrodestra unito. Avendo questi dati, che sono importanti per chi sa che l'obiettivo della politica è quello di rappresentare le idee dei cittadini, nel giro di pochi giorni ci siamo nuovamente riuniti per rendere operative e ufficiale quelle idee di tanta gente".

In sintonia con le dichiarazioni di Fusco anche Matteo Massini. "Ce lo hanno chiesto i cittadini a gran voce - spiega il candidato della Lega - , e insieme al coordinamento locale da poco tempo istituito a Civita, siamo giunti a questa conclusione, e cioè che i civitonici avevano bisogno di certezze. E in questo momento la certezza era quella di portare il centrodestra unito alle elezioni amministrative". Poi ha aggiunto: "Non mi è costato fare un passo laterale, non mi interessa e né interessa alla Lega il personalismo, abbiamo un obiettivo comune, guardiamo al benessere dei cittadini e del territorio. Il nostro non è un ripensamento, è stata fatta una accurata valutazione, non è un andare indietro, ma ponderare e valutare la situazione migliore".