Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Tarquinia pronta a mettere al bando l'inquinamento acustico: l'incontro con il tecnico Federico Fracassini

Provincia
Font

TARQUINIA - È stato un incontro molto apprezzato quello che si è svolto martedì scorso, 26 settembre, presso il palazzo comunale della cittadina etrusca, durante il quale è stato illustrato il progetto di una nuova zonizzazione acustica del territorio.

Pin It

L’amministrazione comunale, rappresentata dal consigliere comunale Stefania Ziccardi e dagli assessori Laura Sposetti, Martina Tosoni e Pietro Serafini, ha incontrato una folta delegazione di gestori degli stabilimenti balneari e di attività turistiche del litorale.

La riunione, alla presenza del tecnico competente in acustica ambientale Federico Fracassini, é servita a illustrare la necessità di procedere ad un lavoro di pianificazione urbanistica comunale che contemperi la finalità della riduzione dell’inquinamento acustico ambientale, rispettando allo stesso tempo le vocazioni turistiche, culturali e produttive del territorio tarquiniese.

“Questo obiettivo si può raggiungere attraverso procedure tecniche – dichiara il consigliere comunale Stefania Ziccardi, incaricata al Commercio - come il monitoraggio acustico di tutto il territorio e una nuova modulazione delle zone acustiche che recepiscano gli indirizzi dell'amministrazione per la localizzazione delle varie attività e infrastrutture.

Si interverrà,  inoltre, sulle modalità applicative del piano attraverso una nuova regolamentazione,  nella quale saranno  definite procedure autorizzative semplificate per le imprese e criteri che garantiscano uniformità sia in fase di rilascio delle autorizzazioni sia in fase di controllo, per tutelare i residenti e gli imprenditori.”