Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

O il Piave o tutti accoppati: tre conferenze chiudono la mostra dedicata ai cento anni dalla vittoria della prima guerra mondiale

In Citta'
Font

VITERBO - Proseguono le iniziative alla sala Almadiani nell'ambito dell'evento "O il Piave o tutti accoppati", promosso dal Comune di Viterbo e dal Comitato Viterbo della Croce Rossa Italiana a cento anni dalla vittoria della prima guerra mondiale.

Pin It

Sarà visitabile fino al prossimo 11 novembre la mostra di reperti della Grande Guerra, curata da Marco Zappa e allestita da Tomas Bobek (orario mostra dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20 – ingresso libero).

Dopo il successo del concerto dello scorso 4 novembre, “il Piave mormorò...”, a cura del coro polifonico Santa Maria dell'Edera, diretto da Lucia Giorni, con al pianoforte Dimitri Desideri, con testi di Rosario Desideri e immagini di Sergio Fanelli, oggi 9 novembre alle ore 17,30, sarà la volta della conferenza Diritto bellico e prima guerra mondiale – La vittoria dell'Italia nella Grande Guerra e il ruolo della CRI, che vedrà l'intervento del colonnello CRI Pietro Ridolfi e del colonnello medico Ettore Calzolari.

Domani, sabato 10 novembre alle ore 17.30, è in programma la conferenza dal titolo Caporetto 100 anni dopo, a cura del professor Marco Zappa. Alla mostra e alle due conferenze si affiancano una serie di iniziative collaterali, tra cui un annullo postale filatelico e un'esposizione di cartoline e foto, a cura dell’associazione Take Off.