Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Loggia dei papi: si parte dai frammenti mobili a rischio per valutare l'intero restauro

In Citta'
Font

VITERBO - Questa mattina, 17 gennaio, si è tenuto presso la Curia Vescovile di Viterbo un incontro tra: la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per l’Area Metropolitano di Roma, la Provincia di Viterbo e l’Etruria Meridionale, rappresentata dalla Soprintendente arch. Margherita Eichberg e dal funzionario di zona arch. Federica Cerroni;
il Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Viterbo rappresentato dal Comandante ing. Davide Pozzi
la Curia Vescovile di Viterbo rappresentata dal Vicario Generale don Luigi Fabbri, dall’Economo Diocesano don Giusto Neri e dal Direttore dell’Ufficio beni Culturali ing. Santino Tosini.

Pin It

Dopo aver preso ulteriormente visione dei luoghi e valutato le potenziali criticità sono stati valutati gli interventi più immediati da attuare per la messa in sicurezza della Loggia.

Si procederà quindi in tempi brevi, tramite l’ausilio di restauratori e di una piattaforma mobile, alla verifica puntuale di ogni singolo elemento delle superficie lapidee e conseguente eventuale messa in sicurezza di frammenti mobili.

Queste operazioni saranno anche occasione di riflessione per affinare ulteriormente le indagini necessarie all’avvio della fase progettuale per gli interventi di consolidamento e restauro del loggiato che si renderanno eventualmente necessari.

Ricordiamo che il 15 il sindaco Arena aveva emesso un'ordinanza di chiusura della Loggia per motivi di sicurezza.