Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

La fase 2: regole della Regione Lazio per la riapertura, con orario fino alle 21.30

In Citta'
Font

VITERBO - Attività commerciali, dal prossimo 4 maggio la chiusura entro le ore 21,30, ad esclusione delle farmacie, parafarmacie, aree di servizio e pubblici esercizi per attività di asporto (art. 32, comma 3, legge 23 dicembre 1978, n. 833, in materia di igiene e sanità pubblica). Tutte le indicazioni precisate dalla Regione Lazio. 

Pin It

Lo ricorda l'assessore allo sviluppo economico e alle attività produttive Alessia Mancini, a seguito dell'ordinanza del presidente della Regione Lazio (n. Z00037) dello scorso 30 aprile.

“Ciò rappresenterà un ulteriore vantaggio – aggiunge De Simone (Confartigianato) - perché anticipando e allungando i tempi di apertura si eviteranno maggiori concentrazioni di persone in prossimità di queste attività. Un ringraziamento particolare va al sindaco di Viterbo, Giovanni Maria Arena, e all’assessore allo Sviluppo Economico, Alessia Mancini – conclude -, perché hanno voluto tenere conto, nel rispetto delle norme imposte dai decreti del Governo, delle esigenze delle attività del settore, e per il dialogo costruttivo e la collaborazione sempre fruttuosa con Confartigianato Imprese Viterbo”.

Precisati inoltre i dettagli della fantimatica fase 2, con il presidente Zingaretti che in conferenza stampa trasmessa online ha precisato le regole da seguire da lunedì.

Questa la sintesi di "ripartire sicuri":

La regola base sono le 5 P: prudenza, protezione, prevenzione, piccoli passi, progettualità.

Prudenza perché l'emergenza non è finita.

Prevenzione: utilizzo di mascherine in ambienti chiusi e nei luoghi accessibili al pubblico e/o in cui si viene a contatto ravvicinato con altre persone, anche all'aperto quindi, uso gel disinfettante e presenza distributori; lavaggio frequente delle mani;  distanza fisica di almeno 1 metro; divieto di assembramenti; possibili barriere idonee nei luoghi di lavoro con spazi limitati; igiene e sanificazione dei locali. La verifica sarà effettuata attraverso due strumenti: rilevazione della temperatura corporea e misurazione saturazione ossigeno.

Per i piccoli passi è previsto il monitoraggio e l'attenta verifica degli effetti di ogni passo con indicazioni per i settori già attivi o che partiranno il 4 maggio.

Infine la progettualità, con indicazione delle regola per ogni settore da riaprire, confronto continuo con il mondo produttivo
per programmare la progressiva ripresa delle attività.