Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Ciao Sario, la tua anima dance farà ballare gli angeli

In Citta'
Font

VITERBO - Un anno maledetto che continua a confermarsi anche a dicembre, mentre si inizia a pensare al Natale, alle feste, piccole o  buie che siano. E lo saranno ancora di più, perché oggi è venuto a mancare un amico di sempre, Sario Ricci.

Pin It

Nel mondo dei social te ne accorgi perché iniziano ad uscire decine e decine di post con il suo nome, e solo ieri ci aveva scritto dalla terapia intensiva. Nonostante tutto non ci vuoi credere. Conosciamo Sario da una vita, dalle prime note ascoltate in cuffia nelle radio più scalcinate della città negli anni '80. La musica era la sua fede, e con quella fede ci ha travolti in tanti.

Poi si cresce e lo ritrovi nell'editoria, nella politca, nel mondo del sociale, in quello degli eventi. Foggiano, attivissimo in Toscana, con base a Lucca, aveva scelto Viterbo per mettere le radici, e la città lo aveva accolto come figlio adottivo. Nel bene e nel male tutti conoscevano Sario Ricci, per la sua Elettrofaul, festival di musica elettronica, ma anche per la sua ultima creazione, Tuscia Comix.

Stava male da tempo, attaccato settimanalmente alla macchina della dialisi sperando in un domani migliore, sempre cosciente che la vita gli avrebbe potuto fare brutti scherzi, compreso quello peggiore, di non farcela. E nonostante questo non si fermava, recuperava le forze e tornava in pista, con nuove straordinarie idee.

Il suo ultimo messaggio è di ieri, dedicato alla creazione pubblicata su youtube il 28 novembre, Berlin (clicca qui per vedere il video). Un'ora di musica elettronica a sua firma, seguita dai saluti e dall'ironico scambio di messaggi: "Lo usiamo a Capodanno, tanto lo passiamo in casa".

Da oggi mancheranno i suoi mi piace alle follie scritte sui social, i suoi commenti sempre taglienti, mancherà lui, ai quintali di amici che aveva, e soprattutto a Roberta, paziente focolare di famiglia, e alle due meraviglie, le figlie che oggi salutano per sempre il papà.

Per lui il messaggio di cordoglio del sindaco: "Questo anno maledetto continua a portarsi via troppe persone. Poco fa ho appreso la notizia della scomparsa di Sario Ricci. Lo conoscevo da tanti anni - precisa Arena in una nota - dai primi tempi che ero assessore. Si è sempre dato molto da fare per Viterbo. Negli anni ha organizzato diverse manifestazioni, intelligenti e coinvolgenti, musicali e non solo. Ricordo la più recente, il Tuscia Comix, la kermesse dedicata al mondo del fumetto e del fantasy, generalmente in programma a fine settembre e che quest'anno non si è potuta svolgere a causa del Covid. Sario ha sempre dato il suo prezioso contributo al mondo dell'intrattenimento nella nostra città. Voglia di fare è il nome dell'associazione di cui era presidente. Ecco, se penso a Sario, mi viene in mente proprio quella sua gran voglia di fare. Ai suoi familiari le mie sincere condoglianze".

Farai "suonare" gli angeli, ne siamo certi, e troverai altre mille cose da fare anche lassù.

T. P.