Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Regione Lazio: scuole superiori chiuse e in dad fino al 18 gennaio. Arriva l'ordinanza di Arena

In Citta'
Font

ROMA - Il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, visto l'incremento della curva dei contagi da Coronavirus, firmerà oggi un'ordinanza per posticipare al 18 Gennaio l'apertura in presenza delle scuole superiori. Fino a quella data continuerà ad essere attiva la didattica a distanza per gli studenti delle scuole secondarie.

Pin It

Nel frattempo prosegue la campagna “Scuolasicura” che offre gratuitamente a ragazzi dai 14 ai 18 anni senza prescrizione medica e al personale scolastico munito di prescrizione la possibilità di effettuare un tampone rapido. Le università proseguiranno con la didattica a distanza come previsto dal Dpcm nazionale.

“Il nostro obiettivo - spiega il vicepresidente della Giunta regionale Daniele Leodori - è quello di riaprire in sicurezza le scuole ma è doveroso farlo garantendo il massimo livello di attenzione. La Regione Lazio dopo aver potenziato il sistema dei trasporti e’ pronta a far ritornare gli studenti in presenza ma la curva dei contagi di questi ultimi giorni ci costringe a scegliere la prudenza”.

“Dal 18 gennaio - conclude Leodori - seguiremo le indicazioni nazionali in merito alla riapertura in presenza delle scuole”.

Differimento della ripresa dell'attività didattica in presenza al prossimo 18 gennaio per gli istituti secondari di secondo grado pubblici e paritari, fatta salva l'autonomia scolastica per quanto riguarda eventuali diverse modalità di svolgimento delle lezioni, e lasciando discrezionalità al dirigente di consentire l'eventuale accesso alle aule agli insegnanti e al personale scolastico, nonché la possibilità di autorizzare lo svolgimento di attività in presenza, qualora sia necessario l'uso dei laboratori, o in ragione di mantenere una relazione educativa che realizzi l'effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali, secondo le disposizioni previste dalla normativa disciplinante la materia.
Questo quanto stabilito dal sindaco Giovanni Maria Arena con apposita ordinanza firmata nel primo pomeriggio di oggi (n. 1 dell'8/1/2021). "Sono terminate da pochissimi giorni le festività natalizie - sottolinea il sindaco Arena -. Alcune occasioni legate a tali festività, nonostante le varie disposizioni, potrebbero aver generato comunque situazioni di contagio. Il senso del provvedimento è proprio questo: isolare gli eventuali casi positivi che dovessero emergere in questi giorni, ed evitare quindi ulteriori contagi tra coetanei con la conseguente quarantena di intere classi. Ritengo pertanto opportuno e prudente attendere ancora qualche giorno prima di consentire il ritorno in classe degli alunni delle scuole secondarie di secondo grado, molti dei quali farebbero anche uso di mezzi di trasporto. Questi giorni serviranno inoltre anche a far entrare a regime i nuovi orari degli stessi mezzi di trasporto, che vedranno anche un'implementazione delle corse". 
 
La versione integrale dell'ordinanza è consultabile sul sito istituzionale www.comune.viterbo.it sia all'albo pretorio sia alla sezione Coronavirus > Le ordinanze del Comune.