Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Niente Mille miglia a Montefiascone e Bolsena, a Viterbo passaggio senza timbro

In Citta'
Font

VITERBO - L’organizzazione, nonostante si sia tornati al vecchio e storico tracciato, ha preferito, per il secondo anno consecutivo, “tagliare” il controllo a timbro che si svolgeva nella suggestiva cornice di Piazza del Plebiscito a Viterbo, concedendo soltanto un rapido passaggio delle auto nella città dei Papi, per poi dirigersi direttamente sulla strada provinciale Commenda, tagliando fuori così di netto Montefiascone.

Pin It

Tale percorso privilegerà di fatto, come fermata principale, la cittadina di Marta e continuerà poi in direzione di Capodimonte, per poi proseguire l’itinerario verso Gradoli, scavalcando anche Bolsena, snodandosi per le strade del lungolago.

Il direttivo dell’Automobile Club Viterbo, nelle persone del presidente dott. Sandro Zucchi e del direttore Lino Rocchi, ha appreso la notizia solamente quando già era stato deciso ufficialmente il percorso da parte degli organizzatori.
L’Automobile Club Viterbo, pertanto, si è subito attivato per cercare di far ripristinare il percorso tradizionale già dall’edizione del prossimo anno.

Il Direttore dell’Automobile Club Viterbo, montefiasconese d’origine, ha espresso in merito un duplice rammarico: "Montefiascone, come Bolsena, paga colpe non sue, se di colpe si può parlare… e il mancato passaggio delle stupende e storiche auto dentro il cuore pulsante della cittadina, è una grave perdita per gli appassionati montefiasconesi e non, che si dovranno accontentare di un mordi e fuggi in località Commenda".

Per quanto riguarda la retrocessione del capoluogo della Tuscia a mera tappa di transito ha aggiunto:"Nel corso degli anni Viterbo non ha brillato nella cooperazione con questo grande evento, cooperazione che è stata compensata nel corso degli anni in gran parte dall’Automobile Club Viterbo, che pero, nell’edizione 2021 ha scelto di non partecipare attivamente, ritagliandosi un ruolo defilato in attesa di capire gli 'eventi'. La gestione dell’evento 2021 con le sue ombre e le sue luci non - precisa sempre Rocchi - deve aver convinto fino in fondo con la conseguenza che, visto il risultato, gli organizzatori, nel 2022, hanno optato, di fatto, per un percorso alternativo, spostandosi e puntando sui paesi versante del lago".

In merito al passaggio dello scorso anno, con timbro a Valle Faul, in fondo all'articolo è possibile leggere la presentazione della tappa viterbese, che ospitò anche il villaggio, e la fotogallery dedicata all'evento nel giorno del passaggio. Per chi fosse interessato il passaggio delle 415 auto previste in questa quarantesima edizione rievocativa, a Marta è in programma il 16 giugno, mentre il 17 mattina la carovana arriverà a Roncigione, dopo la partenza da Roma.

Il direttivo dell’Automobile Club Viterbo, dopo aver interloquito, seppur brevemente, con l’organizzazione della Mille Miglia, è convinto di riuscire a coinvolgere la prossima amministrazione comunale di Viterbo per la prossima edizione, sia riportando la manifestazione al percorso storico, includendo dunque anche Montefiascone e Bolsena, sia rafforzando l’interesse ed il legame verso l’evento della città di Viterbo e di tutta la sua provincia.

Ciò detto, l’AC di Viterbo, per rafforzare ulteriormente la propria posizione, non parteciperà né collaborerà attivamente all’edizione 2022, ma si impegna sin d’ora a riprendere le redini dell’organizzazione insieme alla nuova amministrazione di Viterbo, cui non sfuggirà l’importanza culturale, sportiva e turistica richiamata dalla Mille Miglia.