Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Rai Cultura: la ceramista Daniela Lai racconta la Zaffera

In Citta'
Font

VITERBO - Quando si parla di terracotta nel Medioevo, non possono essere certo ignorati i manufatti realizzati dai vasai viterbesi con la preziosa tecnica della Zaffera. Viterbo, “città di antica ed affermata produzione ceramica”, è entrata, infatti, a pieno titolo, nel programma di Rai Cultura “I segreti del colore”.

Pin It

La puntata dedicata alla terracotta di epoca medievale, trasmessa su Rai Scuola e ora disponibile su RaiPlay, (Clicca qui per vederla) è stata in parte girata nel laboratorio di Daniela Lai, nel cuore del quartiere di San Pellegrino.

Ed è proprio la ceramista, introdotta dalla professoressa Paola Pogliani, docente dell’Università della Tuscia, a raccontare la Zaffera. Questa tecnica, che consente di creare decorazioni in uno splendido blu a rilievo, non ebbe lunga vita, probabilmente per la difficoltà di esecuzione - spiega Lai - e per gli alti costi della materia prima. A recuperarla per produrre eleganti manufatti, ci hanno pensato le artigiane che operano a Viterbo.

Nel corso della trasmissione, Daniela Lai mostra alcune fasi della lavorazione di un piatto con decori in Zaffera e la riproduzione di uno dei pezzi più prestigiosi della tradizione ceramica viterbese: “la fiasca d’amore”, che nel medaglione al centro di una delle due facce decorate raffigura una coppia attorniata da foglie polilobate ed è “l’unica dichiarazione d’amore realizzata con questa tecnica”.

“La partecipazione alla trasmissione è stata una esperienza gratificante sul piano personale. Questa testimonianza resterà nelle teche della Rai, Ma soprattutto - dichiara Lai, che è anche presidente di CNA Ceramisti del Lazio - ritengo che sia stata offerta una ulteriore opportunità per far conoscere quanto sia importante il segno di Viterbo nella storia della ceramica”.